Speciale NVIDIA GeForce Experience: novità importanti nella nuova beta

La beta di GeForce Experience appena rilasciata porta con sè novità importanti, che la pongono al centro dell'ecosistema di gioco pensato dalla casa di Santa Clara, sempre più vasto e strutturato.

speciale NVIDIA GeForce Experience: novità importanti nella nuova beta
Articolo a cura di
Alessio Ferraiuolo Alessio Ferraiuolo è cresciuto a pane, cinema e videogame. Scopre in giovane età la sua passione per la tecnologia, che lo porta a divorare tutto quello che il mercato ha da offrire, dall’hardware per PC agli smartphone, senza mai sentirsi sazio. Nel tempo libero adora suonare la chitarra, andare in palestra e guardare tonnellate di film e serie TV. Lo trovate su Google+ e su Facebook.

NVIDIA GeForce Experience è partito un po' in sordina, con inizio un po' claudicante e un posizionamento difficile da decifrare. Parliamo di posizionamento perché l'utility , almeno in un primo momento, non era certo dedicata agli appassionati. Configurare le opzioni grafiche di un gioco con un click non è certo una funzione che attira gli smanettoni, che preferiscono gestire in autonomia i settaggi dei propri titoli preferiti. Col passare del tempo però le funzioni sono cresciute, con ShadowPlay e GameStream che hanno portato novità non da poco, tutte indirizzate al mondo dello streaming, sia domestico che online. Oramai, appare chiaro come l'esperienza d'uso pensata da NVIDIA non comprenda solo prestazioni in game di alto livello, ma anche una serie di servizi che permettono di ampliare gli scenari d'uso delle GPU. Proprio GeForce Experience sta iniziando a configurarsi come un servizio sempre più fondamentale, soprattutto con le novità introdotte nella nuova beta, disponibile da oggi a questo indirizzo, che lo renderanno, di fatto, indispensabile per i possessori di schede GeForce.

Prima su GeForce Experience

La prima importante novità introdotta nella nuova beta riguarda GameStream, il servizio che permette di utilizzare i propri titoli preferiti sul televisore in streaming, senza il bisogno di un PC nelle vicinanze. Ora infatti è supportato lo streaming in 4K a 60 fps, per di più con audio Dolby 5.1. Si tratta di una novità importante, che arriva, e non è un caso, in concomitanza con la disponibilità in Europa della nuova SHIELD Android TV, un dispositivo perfetto per sfruttare appieno questa funzione. La connessione con il cavo ethernet è necessaria per l'invio di un segnale di queste dimensioni, anche per evitare rallentamenti o Lag derivanti dalle reti senza fili. Purtroppo, per funzionare a questa risoluzione lo streaming ha bisogno di schede GeForce con GPU Maxwell 2.0, come la 980 Ti, per cui molti utenti non potranno sfruttarla.
Importanti aggiornamenti arrivano anche per Twitch e YouTube, visto che su entrambe le piattaforme è ora disponibile lo streaming fino a 1080p e 60 fps (sembra a 9 mbps), contro i 720p a 60 fps previsti in precedenza. L'interfaccia di gestione del software si sovrappone ora al gioco, in tempo reale, per consentire un controllo più comodo sullo streaming.
Ma il cambiamento più grande arriverà sul fronte driver, visto che da dicembre la piattaforma di diffusione principale per quanto riguarda i driver della casa di Santa Clara non sarà più il Web, bensì proprio GeForce Experience, che riceverà in anteprima le nuove release rispetto al sito ufficiale, che dovrebbe fornire comunque le principali versioni dei driver, ma con una cadenza inferiore. Confermato inoltre l'arrivo di driver aggiornati per i maggiori titoli rilasciati nei prossimi mesi, fin dal primo giorno della loro uscita. Tra questi troviamo Just Cause 3, Assassins Creed Syndacate, Star Wars Battlefront, Call of Duty: Black OPS III e tanti altri. GeForce Experience diventerà dunque fondamentale per gli appassionati, almeno per quelli che desiderano avere a disposizione i driver il più aggiornati possibile.

NVIDIA A prescindere dai miglioramenti pratici apportati a GeForce Experience, le novità cambiano leggermente le carte in tavola per quanto riguarda l’utility di NVIDIA. Nella pratica, questo significa che GeForce Experience diventerà, nel prossimo futuro, un'applicazione fondamentale per godere appieno degli aggiornamenti software rilasciati. Passo dopo passo, il software NVIDIA sta ampliando i suoi campi di utilizzo, mentre l'arrivo di nuovi dispositivi hardware porterà alla creazione di un ecosistema dedicato al gioco sempre più grande, con le novità che non sono certe destinate ad esaurirsi nei prossimi mesi.