CES 2013

Speciale NVIDIA Tegra 4

L'evoluzione della specie: NVIDIA ci presenta l'ultimo ritrovato in ambito mobile.

speciale NVIDIA Tegra 4
Articolo a cura di
Alessandro Sordelli inizia la sua avventura videoludica ereditando un leggendario Commodore 64 a cassette magnetiche, computer che gli apre le porte ai giochi di ruolo e tutto ciò che è fantascienza. Pur nutrendo da sempre un particolare amore per la piattaforma PC, non disdegna il panorama console. E' in giro su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Basta tornare indietro con la mente di sette o otto anni per comprendere quanto rapido e incredibile sia stato il progresso tecnologico in ambito informatico. Prima dell'avvento di iPhone e di tutti i device dell'ormai complesso spettro mobile, avevamo un concetto di portabilità davvero primitivo, legato ancora ad una fruizione classica dell'informatica e delle reti, con l'ausilio del laptop standard, uno strumento che ha conosciuto un'incredibile popolarità negli ultimi anni ma che è destinato a diventare solo una piccola nicchia o una fetta meno importante in un mercato dominato dal segmento tablet e smartphone (un mutamento già in atto, naturalmente). Innovatrice e futurista come non mai, NVIDIA ha presenziato al recente CES di Las Vegas per stupire il pubblico con qualche novità, tra cui il nuovissimo microprocessore della famiglia Tegra, la quarta generazione di una CPU che è sempre stata sinonimo di innovazione e cambiamento, oggi più potente che mai grazie a delle nuove e interessanti feature.

INNOVATION

È bene ricordare che NVIDIA è stata la prima a lanciare i processori dual core per l'ambito mobile, con Tegra 2 nel 2010, ma anche la prima a rilasciare sul mercato la tecnologia quad core per tablet e smartphone: un primato non da poco, che delinea perfettamente quanto sia importante per la corporazione spingersi oltre le barriere e i confini già stabiliti. Con il nuovo processore s'intende raggiungere dei risultati ancor più incredibili, con una rapidità di calcolo e d'esecuzione ancora migliore, che si riflette non solo in ambito ludico ma anche nella navigazione web, nelle funzionalità di realtà aumentata o per fotografia e video.
Ma l'utilizzo del nuovo traguardo ottenuto da NVIDIA con il chip Tegra 4 non si riduce al solo ambito mobile, quanto ad un più ampio ventaglio di settori industriali, come quello automobilistico. Marchi prestigiosi come Audi hanno scelto NVIDIA come partner per la produzione dei computer di bordo dei suoi veicoli top, come l'ammiraglia della casa tedesca, la berlina A8.

PURA POTENZA IN SOLI 28 NANOMETRI

Nome in codice "Wayne", lo stesso Wayne che ha preso le redini della Wayne Enterprise e che di notte indossa un costume da pipistrello svolazzando per Gotham City: così è stato chiamato il microchip di NVIDIA prossimo al lancio sul mercato, svelando così la forte passione del team di Santa Clara per gli eroi in calzamaglia dotati di superpoteri (Tegra 3 era infatti Kal-El, il nome kriptoniano di Superman).
Tegra 4 si dimostra dimagrito, grazie a dei semiconduttori da 28 nm - contro i 40 nm della tecnologia Tegra 3 - con una velocità di clock che raggiunge gli incredibili 1.9 GHz, quindi ben 200 Mhz in più rispetto a quanto possiamo godere ora sugli attuali terminali che montano CPU NVIDIA. Chi è ferrato in materia sa bene che la miniaturizzazione significa anche minori consumi, un elemento da sempre fondamentale quando parliamo di dispositivi portatili.
La passata generazione di processori mobile di NVIDIA vantava dei grossi vantaggi sulla concorrenza, in particolar modo per le applicazioni multimediali, gaming e 3D, ma ora si prospetta un divario ancora più marcato per quello che senza dubbio è il più veloce e potente processore mobile del mondo.
Se fino a un decennio fa sembrava impossibile raggiungere tali risultati anche su un computer fisso, ora abbiamo la possibilità di tenere in tasca qualcosa che va ben oltre quel che a inizio millennio potevamo anche soltanto immaginare. Sfortunatamente la presentazione al CES di Las Vegas ci ha dato solo un'infarinatura di quello che sarà il nuovo standard di apparecchi smartphone e tablet di nuova generazione, senza entrare troppo nei dettagli tecnici, quindi senza fornire informazioni relative alla qualità del trasferimento dati delle memorie, o caratteristiche precise sulla potente GPU che affiancherà i quattro core del processore. Non ci sono però dubbi sulla qualità del processore grafico a 72 core: un concentrato di potenza computazionale con pieno supporto alla tecnologia Direct X 11, Open GL e PhysX. Il nuovo e rombante motore nascosto nel piccolo pezzo di silicio promette venti volte le prestazioni ottenute con Tegra 2 e sei volte quelle di Tegra 3. Ad esso si affianca un modem i500 di ridotte dimensioni ma di grandi capacità, con supporto alle reti 4G LTE. Ovviamente non sono ancora chiare le vere potenzialità del nuovo arrivato, ma stando a quanto visto fino ad ora con i più recenti terminali presenti sul mercato, come Nexus 7 o HTC One X+, non possiamo che essere fiduciosi su quel che potremo giocare e fare con gli smartphone dell'anno in corso.

NVIDIA L'industria del mobile è rapida come Flash, il supereroe protagonista di uno dei fumetti tanto amati dagli ingegneri di NVIDIA. I nuovi Tegra 4 sono solo un piccolo passo per la public company californiana (che è già al lavoro sulle successive tre generazioni di processori), ma un grande balzo per in mondo dell'informatica, per un'azienda alla costante ricerca di rinnovamento e nuovi traguardi. Con questo nuovo annuncio NVIDIA ha dimostrato non solo pura innovazione sul profilo tecnico, ma anche la volontà e il desiderio di creare un vero e proprio ecosistema di fruizione multimediale, costruito su un'esperienza a 360 gradi che verte attorno a portabilità, cloud computing e home entertaining. Il 2013 sarà un anno davvero caldo... e verde, grazie alle numerose novità di NVIDIA.