Speciale R2-D2 PlayBook 4: la PS4 di una galassia lontana, lontana.

Aspettando l'uscita nelle sale del nuovo capitolo di Guerre Stellari, Edward Zarick ritorna con un'altra delle sue personalizzazioni estreme, realizzando una Playstation 4 portatile ispirata ad R2-D2, il famoso robot della saga di Star Wars.

speciale R2-D2 PlayBook 4: la PS4 di una galassia lontana, lontana.
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di
Francesco Francesco "Relance" Radoani Nato e cresciuto nella tecnologia, ho sempre smontato qualsiasi cosa avessi sotto mano, con buona pace dei miei genitori. Ho coltivato questa passione nel corso degli anni, assieme a quella per la recitazione, il doppiaggio, la scrittura e i videogiochi. E ricordate: "Thy Life is a riddle, to bear rapture and sorrow To listen, to suffer, to entrust unto tomorrow In one fleeting moment, from the Land doth life flow Yet in one fleeting moment, for anew it doth grow In the same fleeting moment thou must live, die and know"

Ciò che vedremo in questo articolo affonda le proprie origini in un passato lontano, per stessa ammissione di Edward Zarick, fautore di alcuni modding estremi di Playstation 4 e Xbox-One. Correva l'anno della console a 32 bit per eccellenza, Sony Playstation, che nel 1995 guidava il mercato videoludico con presa salda. Chi ha vissuto appieno quegli anni, ricorda certamente le coperture adesive variopinte con cui si personalizzava la propria PS1, che di base, in effetti, era di un grigio un po' ingrato: ve ne erano di dedicate ai grandi personaggi di quegli anni, come Crash Bandicoot e Lara Croft, oppure se ne trovavano alcune meno specifiche, ma intenzionate a dare un look futuristico alla console. Tutto ciò finì con l'inizio del nuovo millennio e l'arrivo delle versioni speciali di Playstation 2, le cui colorazioni e serigrafie uniche derivavano dai bundle con giochi specifici; come sappiamo, tale modo di personalizzare le console è giunto fino ai giorni nostri. Eddie Zarick, dice ai redattori di IGN.com, è rimasto legato a quell'idea di personalizzazione unica che aveva PS1 e ha, da allora, modificato moltissime console, prima di giungere alla ribalta con Xbook One e Playbook 4. Sulla stessa idea della meno famosa X-book 360, queste versioni modificate dell'hardware delle console vengono infilate in un case dotato di schermo LCD, divenendo così delle console portabili, anche se non portatili. Esemplare fu la Playbook 4One MKII, letteralmente due console in una sola scocca. L'ultima "fatica" di Zarick è stata prendere la Playbook 4 e rivisitarla completamente in salsa Star Wars. È nata così la R2-D2 Playbook 4.

Il ritorno dello droide.

Il design di R2-D2 Playbook 4 si ispira ad una versione speciale di X-box 360, decorata, appunto, con i colori del robottino. Zarick ha preso questo concetto e l'ha applicato ai suoi speciali case: il simbolo dei Ribelli campeggia sulla parte superiore del case e si illumina quando la console è accesa; non appena si inserisce la spina, i classici "bip" di R2-D2 salutano il giocatore e un grande LED rosso e blu, appartenuto anch'esso al robottino, segnala lo stand-by della console e i diversi caricamenti; sul lato destro del case vi sono dei tasti che, se premuti, replicano i suoni di R2-D2, così come li abbiamo sentiti nei vari film. L'autore ringrazia i membri del forum di www.astromech.net, specializzati nella costruzione di repliche dei robot di Star Wars, per avergli fornito i dettagli più caratteristici di R2-D2 e, soprattutto, i suoni originali. Il modder si è detto estremamente soddisfatto del proprio lavoro, definendolo il migliore fino a questo momento, sottolineando come tutti i dettagli in tre dimensioni della console, come le valvole e le grate di raffreddamento, sono disegnati attraverso un software e realizzati con una stampante 3D. Zarick ha dichiarato, infine, di non aver ricevuto l'ispirazione da nessuno e di essersi imbarcato in questa sfida solo per il gusto di portarla a termine. Non si fa parola della possibilità di ordinare questa versione modificata di Playstation 4, a differenza dei lavori precedenti dell'autore.
Adesso, giunge la domanda fatidica: quale sarà la prossima follia di questo modder estremo?