Samsung Galaxy Note 8: il Note più potente, bello e caro di sempre

La presentazione del nuovo Galaxy Note 8 ha mostrato un dispositivo potente, versatile ma anche dal prezzo più alto rispetto al passato.

speciale Samsung Galaxy Note 8: il Note più potente, bello e caro di sempre
Articolo a cura di
Alessio Ferraiuolo Alessio Ferraiuolo è cresciuto a pane, cinema e videogame. Scopre in giovane età la sua passione per la tecnologia, che lo porta a divorare tutto quello che il mercato ha da offrire, dall’hardware per PC agli smartphone, senza mai sentirsi sazio. Nel tempo libero adora suonare la chitarra, andare in palestra e guardare tonnellate di film e serie TV. Lo trovate su Google+ e su Facebook.

I top di gamma sono sempre più cari. Complice anche una fascia medio-alta molto agguerrita che tra i 400 e i 600 euro offre oggi alternative in cui potenza e qualità non mancano di certo, non fa più scalpore leggere un prezzo di 999€ per l'ultimo arrivato della famiglia Note, da sempre una delle più apprezzate della gamma Samsung. Per molti è questo il vero top di gamma dell'azienda coreana, un dispositivo che è riuscito a rivoluzionare il concetto stesso di smartphone. Non è un caso che durante la presentazione di ieri a Milano il presidente di Samsung Italia Carlo Barlocco abbia parlato del primo Note, e di come in molti presero in giro l'azienda coreana per le dimensioni "eccessive" di quello storico modello. Ma se oggi abbiamo un iPhone da 5.5 pollici, che diventeranno anche di più probabilmente in iPhone 8, lo dobbiamo proprio al Note, che ha dato il là all'incremento delle dimensioni degli smartphone. La presentazione di ieri ha mostrato un dispositivo che sembra avere pochi punti deboli, anche se il prezzo, e la concorrenza di Galaxy S8+, potrebbero rendere la vita difficile a questo atteso flagship.

Quanto vale il pennino e la dual cam?

In questo articolo non ci occuperemo di descrivere le specifiche del terminale (che trovate tutte riassunte qui), ma di fare una breve analisi delle stesse rapportate al costo previsto per l'Italia, di 999€. Costo che include, in caso di pre-order, anche un accessorio che per l'utenza business potrebbe rivelarsi davvero utile, ovvero Samsung DeX, la dock che permette di collegare il Note a uno schermo o a un monitor per utilizzarlo in modalità desktop. Si tratta di una funzione che in molti apprezzeranno, visto che permette di sostituire, almeno nelle funzioni basilari come la navigazione web, office, videoconferenze e anche per un po' di gaming, un comune PC. Ma quali sono i punti di forza del nuovo Note? Persa la dimensione dello schermo, ormai alla pari con S8, almeno nella sua variante Plus, e con un processore identico a quello del precedente top di gamma, al Note rimangono pochi ma fondamentali punti forza, come la dual cam, che promette meraviglie, e il pennino. Ci sono anche 2 GB di RAM in più, ma i 4 GB disponibili su S8 sono un quantitativo già più che sufficiente, almeno sulla carta, e di certo vanno incontro alle esigenze dell'utente comune. Ad ogni modo, il pennino e la dual cam saranno fattori fondamentali. Il primo è stato migliorato ulteriormente rispetto al passato, con funzioni come Messaggio Live, con cui condividere e personalizzare al meglio i propri messaggi, e la funzione Always on Memo, con cui scrivere anche a schermo spento fino a 100 pagine di note, senza dimenticare la traduzione simultanea dei testi. Per quanto riguarda invece la dual cam troviamo due sensori posteriori da 12 MP, entrambi stabilizzati, uno con obbiettivo grandangolare e uno con teleobiettivo. Il doppio sistema di stabilizzazione OIS è un punto di forza notevole, che permetterà ai futuri possessori di scattare immagini anche in movimento e sempre a fuoco. Interessante la modalità di messa a fuoco live, per scattare immagini bokhe, e quella a doppia acquisizione, con cui le due cam scattano contemporaneamente un'immagine, una wide e una più zoomata, in modo da catturare sia lo scenario circostante che il particolare, lasciando all'utente la possibilità di scegliere.

Sappiamo tutti l'importanza del comparto fotografico nelle scelte d'acquisto degli utenti e la dual cam, se manterrà le aspettative, sarà certamente un valore aggiunto per tutti. Diverso invece il discorso per il pennino, una caratteristica unica ma che riguarda solo una fetta di utenza, principalmente quella business. Vero che si può usare per personalizzare i messaggi e per compiti più "ludici", ma il touch è un metodo di input che ha ormai conquistato tutte le tipologie di utenti e l'utilizzo del pennino, per quanto unico, è meno immediato per le operazioni quotidiane rispetto alle dita. Il rischio, per l'utente comune, che rappresenta sempre la maggioranza, è quello di ritrovarsi con uno strumento incredibile ma poco utilizzato.

Questione di prezzo

Restando nella sola lineup Samsung, senza badare alla concorrenza, abbiamo oggi tre top di gamma. Il nuovo Note 8 costerà 999€, S8+ è proposto a 929€ mentre S8 standard a 829€. Questi sono i prezzi ufficiali. Se poi si guarda al web, S8+ scende a circa 700€, mentre la variante più piccola a circa 600€. Osservando queste cifre, nel mercato italiano, non è difficile immaginare una concorrenza interna marcata per questo Note 8. Considerato anche che la fotocamera di S8 rimane a oggi una delle migliori sul mercato, con meno funzioni questo è vero, ma anche perfetta per il "punta e scatta" senza troppi pensieri, allora il pennino rimane il vero unico punto di forza del Note. Essenziale per alcuni, optional per molti. Insomma, il Note 8 arriva in un momento magico per Samsung, con i conti in positivo e ottime vendite per l'acclamato S8. Riuscirà a superarlo? Difficile a dirsi ora, la cosa certa è che il Note rimane un telefono perfetto per il business, vero campo prediletto per questa storica gamma di prodotti, che siamo felici di rivedere sul mercato con un device che, a prescindere dalle osservazioni fatte finora, sembra convincere appieno.