Samsung Galaxy S8: probabili specifiche e prezzi a pochi giorni dal lancio

Il Galaxy S8 sarà presentato il 29 marzo, nel frattempo buona parte delle specifiche sono già trapelate, per uno smartphone davvero promettente.

speciale Samsung Galaxy S8: probabili specifiche e prezzi a pochi giorni dal lancio
Articolo a cura di
Alessio Ferraiuolo Alessio Ferraiuolo è cresciuto a pane, cinema e videogame. Scopre in giovane età la sua passione per la tecnologia, che lo porta a divorare tutto quello che il mercato ha da offrire, dall’hardware per PC agli smartphone, senza mai sentirsi sazio. Nel tempo libero adora suonare la chitarra, andare in palestra e guardare tonnellate di film e serie TV. Lo trovate su Google+ e su Facebook.

Ormai ci siamo. Il Samsung Galaxy S8 è pronto a fare il suo debutto ufficiale, il 29 marzo, per una presentazione molto attesa dagli appassionati. Del resto, il top di gamma della casa coreana racchiude al suo interno le migliori tecnologie oggi disponibili, almeno a giudicare dai rumor, oltre a un design che si discosta molto dalle precedenti edizioni, caratterizzato dall'assenza di cornici. Un design che non ha mancato di destare polemiche, per l'assenza del tasto Home ma soprattutto per il lettore di impronte digitali posizionato lateralmente sulla scocca posteriore. Insomma, la carne al fuoco è tanta, meglio passare subito ad analizzare quanto trapelato fino a questo momento, per farci un'idea di come sarà il prossimo Galaxy S8.

Un design tutto nuovo

Il Galaxy S8 adotta un design completamente rinnovato nella parte frontale, mentre quella posteriore conserva maggiormente le caratteristiche dei precedenti modelli. Il vetro a protezione del display occupa quasi per intero la scocca anteriore, caratterizzata dall'assenza del tasto Home. Nella parte alta, oltre alla fotocamera, si possono osservare ulteriori sensori, necessari al riconoscimento dell'utente tramite l'iride. Questa modalità di sblocco, finora ritenuta secondaria nei modelli che la utilizzano, potrebbe avere una maggiore importanza nel nuovo top di gamma, visto che il lettore di impronte digitali è stato posizionato decentrato e molto vicino al sensore fotografico posteriore. Con questa mossa Samsung sembra voler spingere l'utente a utilizzare proprio il riconoscimento dell'iride per lo sblocco del terminale, segno che la casa coreana si fida molto di questa tecnologia, ma solo una prova del terminale chiarirà questo punto. Altra particolarità che troviamo sulla scocca dell'S8 è un tasto dedicato all'assistente vocale Bixby, con la casa coreana che ha ufficializzato la sua presenza solo pochi giorni fa. Attraverso questo pulsante si avrà accesso immediato a Bixby, un assistente che si differenzia dagli altri per la sua proattività e per la possibilità di comandare con la voce intere sezioni dell'interfaccia del terminale, almeno con le app compatibili.

Purtroppo, non sappiamo se Bixby sarà disponibile da subito anche in italiano, ma secondo The Verge le lingue supportate pienamente saranno solo due all'inizio, l'inglese e il coreano, con il cinese e lo spagnolo già in via di sviluppo (per maggiori informazioni potete leggere il nostro speciale dedicato). Da non dimenticare anche la presenza, praticamente certa, della certificazione IP68, che attesta la resistenza del terminale alla polvere e ai liquidi. Sul mercato arriveranno tre colori, Black Sky, Orchid Grey e Artic Silver, ma altri potrebbero essere resi disponibili nel corso del tempo.

Hardware di altissimo livello

A livello hardware, il Galaxy S8 sarà disponibile in due varianti, una da 5.8" l'altra da 6.2", con quella più grande che prende il nome di S8+. Non fatevi ingannare dalle dimensioni, perché il design borderless permette di risparmiare molto spazio rispetto ai dispositivi tradizionali, tanto che la differenza con i precedenti modelli da 5.1 e da 5.5 pollici potrebbe essere davvero risicata. Entrambe adottano una doppia curvatura ai lati, non ci saranno più i modelli Flat dunque. La risoluzione, in tutti e due i modelli, dovrebbe essere di 2960x1440 pixel, per un aspect ratio leggermente allungato verso l'alto, proprio come nel recente LG G6. A differenza del flaghsip di LG però Samsung potrà contare sul processore più potente oggi disponibile, che farà il suo debutto proprio sull'S8. Lo Snapdragon 835 promette davvero bene, grazie al processo produttivo a 10 nm (altra novità assoluta) e agli otto core Kryo 280, con architettura big.LITTLE, GPU Adreno 540 e clock massimo fino a 2.45 GHz. Proprio di recente sono trapelati online nuovi benchmark di questa CPU, che hanno mostrato prestazioni superiori a qualsiasi SoC Android, con il solo A10 Fusion di Apple a superarlo nel test Single Core di GeekBench, mentre in multi core primeggia comunque la CPU di Qualcomm. La versione europea dell'S8 tuttavia non adotterà questo processore ma un Exynos 8895, creato da Samsung nelle stesse fonderie dove viene prodotto l'835. Anche l'Exynos 8895 è realizzato a 10 nm ma sfrutta un'architettura e una GPU diversa, una Mali G-71. La fotocamera principale scelta per equipaggiare il flagship è da 12 Megapixel, mentre quella secondaria è da 8 Megapixel, anche se purtroppo non si hanno ulteriori indicazioni su questi elementi, come l'apertura e le tecnologie di auto-focus impiegate. Ci aspettiamo comunque ottime prestazioni sotto questo punto di vista, considerato l'eccellente lavoro svolto con il Galaxy S7. A differenza di altri produttori Samsung non ha puntato su una dual cam, una scelta che riteniamo corretta e che permette di rendere più pulito il design della scocca posteriore. Sul fronte memorie abbiamo 64 GB per lo stoccaggio dei dati, espandibile tramite Micro SD, e 4 GB di RAM. Sembra che sulla RAM i produttori si siano soffermati su questa dimensione, probabilmente il miglior compromesso per contenere i costi senza impattare sulle prestazioni. A differenza di iPhone 7, l'S8 non abbandonerà il jack da 3.5mm, nonostante l'adozione di una porta USB Type C per la ricarica.

Insieme al top di gamma arriveranno anche nuovi accessori dedicati, tra cui una probabile nuova versione del Gear VR, studiata appositamente per sfruttare il display di grandi dimensioni dell'S8. Certo invece l'arrivo sul mercato della dock DeX Workstation, che dovrebbe permettere di sfruttare il terminale su monitor o su TV, in modo similare a quanto avviene con Continuum di Microsoft. Si tratta di una novità non da poco, che potrebbe aumentare le potenzialità business del top di gamma, anche se tutto dipenderà dalle funzioni messe a disposizione.

Samsung Galaxy S8 Il nuovo Samsung Galaxy S8 ha tutte le carte in regola per avere successo. Hardware all’avanguardia, design rinnovato e una serie di caratteristiche uniche lo rendono un terminale molto appetibile, nonostante i prezzi si preannuncino elevati. Secondo Evan Blass, il noto evleaks, in Europa l’S8 partirà da 799€ per il modello da 5.8” per finire a 899€ necessari per la versione Plus. Prezzi alti ma in linea con quelli dei top di gamma 2017, leggermente superiori rispetto ai modelli passati (il Galaxy S7 Edge costava 829€ al lancio). I punti deboli sono davvero pochi, con la posizione del lettore di impronte digitali a lasciare qualche dubbio sulla comodità d’uso. Il 29 marzo seguiremo la presentazione ufficiale insieme a Samsung nel quartier generale italiano dell’azienda, solo allora potremo dare un giudizio più completo sulle potenzialità del nuovo top di gamma.