TCL X2 e X3: i nuovi TV TCL 4K HDR di fascia alta

Il produttore cinese punta sempre di più sulla fascia alta del mercato TV e presenta due interessanti LCD Quantum Dots super sottili.

speciale TCL X2 e X3: i nuovi TV TCL 4K HDR di fascia alta
Articolo a cura di

Negli ultimi mesi ci siamo più volte occupati di TCL, marchio ancora poco conosciuto in Italia ma che rappresenta un colosso nella produzione di pannelli e TV LCD e di altri dispositivi elettronici come DVD e Blu-ray player, smartphone ed elettrodomestici. Questa compagnia negli anni si è sviluppata fino ad arrivare a posizionarsi al terzo posto, nel 2015, nel mercato mondiale della produzione di TV LCD, subito dopo Samsung ed LG. Inoltre di recente ha stipulato un accordo di licenza a lungo termine con BlackBerry per la produzione dei suoi smartphone.
L'azienda presenta nella sua gamma interessanti prodotti di fascia media, come il modello Cityline S79 che abbiamo recensito qualche tempo fa, ma è anche intenzionata ad allargare la sua offerta alla parte alta del mercato. Nel corso dell'intervista a Roberto Poni, il Key account manager di TCL multimedia, avevamo già parlato del nuovo X1, l'interessante top di gamma dell'azienda cinese. Un Full LED da 65 pollici con risoluzione 4K, HDR, Quantum Dot e soundbar integrata JBL, equipaggiato con schermo curvo, local dimming a 288 zone e con una luminosità a 1500 nits ed Android TV 6.0.
Ora al CES 2017, TCL presenta due nuovi top di gamma della serie X, denominati X2 e X3. Scopriamo nel dettaglio tutte le loro caratteristiche tecniche.

TCL X2 e X3, LCD 4K HDR Quantum Dots con audio JBL e Android TV

Al CES 2017 ha suscitato molto interesse la conferenza stampa di TCL, dove il colosso cinese ha presentato il nuovo modello di fascia alta X2 e la sua variante curva X3, entrambi disponibili nei tagli da 55" e 65" ed equipaggiati con le più moderne tecnologie presenti nel settore degli LCD. Prodotti molto curati anche dal punto di vista del design, praticamente privo di cornice, con uno spessore decisamente ridotto rispettivamente di 7,9 e 6,9 mm per X2 e X3.
Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, troviamo un pannello 4K HDR, dotato della tecnologia Quantum Dot, che promette una luminosità fino a 600 nits. Le due serie supportano, inoltre, l'High Dynamic Range in entrambi gli standard HDR10 e Dolby Vision. Decisamente interessante anche la sezione audio con un sistema firmato JBL by Harman. 6 altoparlanti che integrano, inoltre, utili funzionalità grazie alla connettività Bluetooth e Wi-Fi. Bluetooth Audio permette di utilizzare lo speaker dei TV in modo autonomo come un normale altoparlante wireless, tenendo spento il display. Sound Return è una funzione in grado di trasmettere l'audio dal TV ad uno smartphone sfruttando il Wi-Fi. Grazie a questa funzionalità l'utente può ascoltare l'audio del televisore indossando le cuffie del proprio smartphone, senza acquistare un modello di auricolari Bluetooth.
I nuovi TV TCL sono, inoltre, equipaggiati con l'ultima versione di Android TV 6.0.1 che include varie funzionalità come Google Cast, Voice Search, Netflix e YouTube, ovviamente in 4K. Il televisore X2 sarà disponibile nel corso del terzo trimestre del 2017. Per quanto riguarda il futuro, TCL ha annunciato al CES l'arrivo di un nuovo televisore Quantum Dot curvo da 65" con uno spessore di soli 3.9mm.

TCL Corporation TCL prosegue il suo percorso di crescita puntando sempre più alla parte alta del mercato dei TV. L’azienda cinese, tra i primi produttori mondiali, è ormai una realtà affermata negli USA e si sta facendo conoscere anche in Europa grazie alle buone qualità dei suoi prodotti. All’ultima edizione del CES, TCL ha fatto molto parlare di sé grazie a due interessanti modelli di LCD 4K dotati delle più moderne tecnologie del settore. Televisori dalle interessanti caratteristiche, anche audio, che arriveranno nei formati da 55 e 65 pollici. TCL sta, inoltre, migliorando sempre più i suoi processi produttivi e sta lavorando su una nuova fabbrica di pannelli LCD di 11 generazione. Impianto dal costo stimato di quasi 7 miliardi di dollari che entrerà in funzione nel 2019, pronto anche per l’OLED.