Speciale Tokyo Motor Show 2015: i modelli di serie dei prossimi anni

Dalla manifestazione giapponese non solo futuristiche show car, ma anche auto che vedremo presto sulle nostre strade, dotate di soluzioni tecniche all'avanguardia e di consumi sempre più bassi.

speciale Tokyo Motor Show 2015: i modelli di serie dei prossimi anni
Articolo a cura di

Al Tokyo Motor Show sono state presentate non solo show car che vedremo forse tra 5-10 anni, ma anche una serie di interessanti concept che anticipano direttamente modelli che arriveranno tra qualche tempo nelle concessionarie. Le case automobilistiche, soprattutto del Sol Levante, hanno esposto prodotti di vario tipo, dalle supercar top di gamma ai SUV dal look aggressivo, ad auto alimentate ad idrogeno e molto altro ancora.
Diamo uno sguardo ai modelli più interessanti proposti nel corso della manifestazione giapponese.

Mazda RX-Vision

Il prototipo presentato da Mazda è stato sicuramente uno dei più apprezzati da tutti i partecipanti del Salone di Tokyo grazie alla sua linea particolarmente aggressiva ed elegante. Sotto le sue spoglie si cela il nuovo modello top di gamma ad alte prestazioni del gruppo giapponese. Una vettura che farà sicuramente parlare di sé grazie al ritorno del motore rotativo Wankel, tecnologia su cui Mazda lavora da moltissimi anni.
Si tratta di un tipo di propulsore a scoppio decisamente diverso da quelli tradizionali. Il classico pistone cilindrico è sostituito, infatti, da un rotore a tre lobi.
La nuova versione del motore rotativo a bordo della RX-Vision, a differenza del passato, è un'unità efficiente, affidabile, potente e soprattutto con emissioni contenute. La Mazda RX-Vision è lunga 4.389 millimetri, alta 1.160, larga 1.925 millimetri e con un passo di 2.700 millimetri. Il design sportivo di questa vettura è caratterizzato dal lunghissimo cofano, con l'abitacolo spostato verso la coda e con i grossi pneumatici 285/35 su cerchi da 20 pollici. Anche la parte anteriore ha un look interessante, con i fari dalla forma sottile e la nuova calandra che ritroveremo anche in altri prodotti della casa giapponese. I due passeggeri trovano spazio all'interno di un abitacolo minimalista, estremamente moderno ed elegante, grazie alle finiture in pelle ed alluminio.

Prototipi Subaru

Alla kermesse giapponese Subaru ha presentato diversi prototipi che anticipano direttamente modelli che ritroveremo presto negli autosaloni. La prima vettura, denominata Impreza 5 Door Concept, è lunga 4.4 metri, larga 1.88 ed alta 1.44. Tecnicamente definita come una hatchback, presenta un frontale dominato da fari a LED dalla particolare forma geometrica. Nella parte laterale si notano le maniglie delle portiere nascoste nella carrozzeria ed i cerchi da 19 pollici, in fibra di carbonio, cromati e a tinte blu.
Il posteriore della Subaru Impreza è sempre caratterizzato da linee geometriche con un ampio portellone ed uno spoiler integrato sul tetto. Non ci sono ancora informazioni dettagliate sui propulsori a bordo di questo concept, ma la versione di serie potrebbe essere equipaggiata con motori 4 cilindri boxer ed un sistema di trazione integrale.
Passiamo ora ad un piccolo SUV, denominato Viziv Future Concept, che potrebbe anticipare le linee della prossima Subaru Forester. Questo fuoristrada dovrebbe essere spinto da un propulsore ibrido con un motore a benzina turbo, con una cilindrata di 1600 cc. Come da tradizione Subaru, non mancherà la trazione integrale AWD. Il look generale è muscoloso e aggressivo con forme non troppo esasperate. Con qualche ritocco potrebbe, quindi, essere pronto per la produzione su larga scala.

Lexus LF-FC

Al Tokyo Motor Show anche Lexus ha presentato il suo prototipo, una grande berlina alimentata ad idrogeno. Il design complessivo di questa autovettura anticipa direttamente la futura quinta generazione dell'ammiraglia LS, che dovrebbe arrivare sul mercato entro il 2017.
La LF-FC, lunga 5,3 metri, si avvicina molto al concetto di coupé con il frontale che presenta un'evoluzione della calandra in stile "L-Finesse" già adottato per l'intera gamma. Innovativa anche la forma dei gruppi ottici anteriori e posteriori a Led, così come l'utilizzo del CFRP (Carbon-Fiber-Reinforced Polymer) per i cerchi da 21 pollici.
Per quanto riguarda la meccanica viene utilizzato un sistema propulsivo elettrico basato su una fuel cell ad idrogeno, soluzione che richiederà ancora diversi anni prima di diffondersi su larga scala. La LF-FC adotta la trazione integrale grazie ai quattro motori elettrici, con le celle a combustibile posizionate al posteriore ed i serbatoi di idrogeno alloggiati lungo tutta la vettura (a forma di "T") , per un'equilibrata distribuzione dei pesi.
Dal punto di vista dell'elettronica di bordo, la LF-FC adotta un sistema di guida autonoma coadiuvato da un'avanzata tecnologia di riconoscimento del traffico, in grado di anticipare il suo andamento e l'evoluzione nel tempo. Decisamente sofisticati i controlli della strumentazione di bordo, in particolare dell'infotainment e del climatizzatore, controllabili con un sistema olografico, utilizzando solo il gesto della mano.
"Il concept LF-FC ha tutto quello che vedremo a bordo di una Lexus nei prossimi 10 anni", ha dichiarato Tokuo Fukuichi, presidente di Lexus.

Toyota S-FR

Oltre a concept avveniristici come l'FCV Plus, Toyota ha presentato alla kermesse giapponese una piccola sportiva praticamente pronta al debutto sul mercato, la S-FR. Come tutte le vere auto sportive è dotata di trazione posteriore e può vantare un peso ridotto, di soli 980 kg. Questa vettura è lunga appena 3990 mm, larga 1695 ed alta 1320 con un passo di 2480 mm. Secondo alcune indiscrezioni trapelate in Rete, il motore dovrebbe essere un 4 cilindri ad iniezione diretta 1.5 DOHC da 130 CV e 148 Nm di coppia, con un cambio manuale a 6 marce realizzato da Aisin.
Le sue forme non sono certo molto aggressive ed il suo design è abbastanza inusuale con la particolare ed enorme presa d'aria anteriore. L'abitacolo è spostato verso la coda ed è in grado di accogliere 4 persone, con un cruscotto dalle linee essenziali.
Quest'auto verrà offerta sul mercato ad un prezzo molto basso per la sua categoria, circa 15.000 Euro e dovrebbe arrivare in Giappone già dal prossimo anno.

Honda Clarity Fuel Cell

Honda punta sulla tecnologia delle celle a combustibile con un modello pronto per la commercializzazione, diretto concorrente della Toyota Mirai. Già presentato nel 2014 come concept, si è trasformato fino a diventare un'auto elettrica alimentata ad idrogeno, destinata ad arrivare sul mercato nel corso del 2016. La Honda Clarity Fuel Cell è lunga 4,89 m (come la Mirai), larga 1,87 m e alta 1,47 metri. L'abitacolo adotta un'impostazione tradizionale, potendo ospitare una persona in più rispetto al modello della Toyota.
Analizzando le sue caratteristiche tecniche, quest'auto ad idrogeno monta nuove celle a combustibile dalle ridotte dimensioni ed in grado di produrre 100 kW, con una densità di potenza di 3,1 kW/L. La Honda Clarity può vantare un'autonomia di oltre 700 km, con un pieno di idrogeno che richiede circa 3 minuti, compresso a 700 bar all'interno del suo serbatoio.
Il motore elettrico collegato alle ruote anteriori ha una potenza di 130 kW/177 CV. La Clairty può utilizzare un accessorio esterno chiamato Power Exporter 9000 che le consente di trasformarsi in un generatore di corrente elettrica, in grado, ad esempio, di alimentare una normale abitazione per circa sette giorni.
Nel primo anno di commercializzazione questa vettura verrà offerta in leasing a enti governativi e aziende che già hanno collaborato con Honda per lo sviluppo della tecnologia delle fuel cell. La Clarity sarà prodotta nello stabilimento giapponese di Takanezawa e avrà un prezzo sul mercato pari a circa a 57.000 euro.

Mitsubishi eX Concept

Al Tokyo Motor Show Mitsubishi espone un SUV compatto dalle linee aggressive che potrebbe anticipare lo stile della futura erede della ASX. Lunga 424 cm, larga 178 e alta 157, la eX è un crossover elettrico con a bordo una batteria da 45 kWh.
Questo concept ha un look estremamente moderno, che speriamo di ritrovare nel modello di serie, con un frontale con profili cromati e luci particolarmente sottili. Dal punto di vista tecnico adotta, come da tradizione del marchio giapponese, la trazione integrale. In particolare viene impiegato una configurazione con un motore elettrico per ogni asse, con una potenza di 70 kW, per un totale di 190 CV.
L'eX Concept anticipa anche alcune nuove tecnologie che vedremo tra qualche anno nei modelli Mitsubishi. Non solo sistemi di guida autonoma ma anche collegamenti tra auto ed edifici domotici. A bordo è stato installato anche un sofisticato parabrezza a realtà aumentata in grado di fornire vari tipi di informazioni, limitando al massimo il livello di distrazione del pilota. Questo sistema sarà capace di visualizzare dati relativi al navigatore, la distanza dagli altri veicoli, informazioni sul traffico e sulle condizioni della strada. Infine, come in molti concept, gli specchietti retrovisori sono stati eliminati e sostituiti da display e videocamere.

Tokyo Motor Show Al Motor Show di Tokyo 2015 abbiamo potuto ammirare non solo fantastiche show car, ma anche numerosi prototipi all’avanguardia che arriveranno presto sulle nostre strade. Modelli dal design estremamente moderno ed elegante come la Lexus LF-FC o dal look aggressivo come quello adottato dalla Mitsubishi eX. Sono state, inoltre, presentate auto dalle interessanti soluzioni tecniche, ricordiamo, ad esempio, la Honda Clarity, che impiega un propulsore alimentato ad idrogeno, o la Mazda Rx-Vision, che introduce la nuova versione del motore rotativo Wankel. In conclusione, questa è l’auto che più ci ha colpito grazie al suo particolare design e al suo motore fuori dal comune.