Volkswagen I.D. Buzz: il mitico furgoncino Bulli è ora elettrico

Al Salone di Detroit 2017 Volkswagen presenta I.D. Buzz, concept di minivan dotato di guida autonoma e alimentazione elettrica con una potenza di 369 CV.

speciale Volkswagen I.D. Buzz: il mitico furgoncino Bulli è ora elettrico
Articolo a cura di

Dopo lo scandalo del Dieselgate, Volkswagen punta sempre di più sulle vetture elettriche con l'obiettivo di vendere, entro il 2025, un milione di auto alimentate a batteria all'anno. Al Salone di Parigi la celebre Casa automobilistica tedesca aveva mostrato la ID Concept, una vettura elettrica da 170 CV, con un'autonomia da 400 a 600 km (in base alle richieste dei clienti) e velocità massima di 160 km/h. Prototipo basato su un nuovo pianale modulare (denominato MEB) appositamente sviluppato per i veicoli alimentati a batteria. Questa vettura dovrebbe debuttare tra tre anni e adottare il nuovo sistema di guida autonoma I.D. Pilot previsto per il 2025. Volkswagen presenta ora a Detroit un nuovo prototipo elettrico denominato I.D. Buzz, un microbus che ricorda l'indimenticabile Bulli. Nel corso degli anni l'azienda di Wolfsburg ha presentato diversi prototipi ispirati al famoso furgoncino, molti ricorderanno ad esempio il BUDD-e presentato al CES dello scorso anno. Un concept dalle forme moderne caratterizzato da una calandra in plastica dotata di profili LED colorati e di propulsione elettrica, con 600 chilometri di autonomia massima, una potenza che si avvicina ai 320 cavalli ed una velocità di quasi 150 km/h.
Scopriamo, quindi, tutte le caratteristiche dell'I.D. Buzz concept partendo dal suo design.

Volkswagen I.D. Buzz: a Detroit il nuovo minivan elettrico dal look simpatico

Volkswagen ID Buzz Concept adotta un design che si ispira al Transporter T1, lanciato negli Anni ‘60 e noto anche con il nome di Bulli, una vera e propria icona della storia dell'auto.
Già al primo sguardo si notano i vistosi Led che corrono lungo tutto il veicolo, che adotta forme moderne e simpatiche con una riuscita tinta bicolore, ripresa direttamente dal suo progenitore.

Questo prototipo è basato sull'evoluzione della piattaforma modulare MEB, introdotta sulla I.D. Concept e qui proposta nella variante "XL". Per quanto riguarda le dimensioni, questo minibus è lungo 4,94 metri, largo 1,98 e alto 1,96, con un passo di 3,3 metri, ed è in grado di ospitare fino ad otto persone. Sono, inoltre, presenti due vani per i bagagli posizionati uno nella zona anteriore e uno dietro.

Abitacolo fino a 8 persone che si adatta alla guida autonoma

Ovviamente gli interni dell'I.D. Buzz sono molto spaziosi ed in grado di ospitare fino ad un massimo di otto passeggeri. L'abitacolo risulta molto curato con il pavimento rivestito in legno ed il tetto panoramico suddiviso in due porzioni.
Gli interni hanno una configurazione flessibile, permettendo anche di allestire due letti d'emergenza. Sono anche in grado di riconfigurarsi quando è attiva la modalità di guida autonoma con il volante che rientra nella plancia quando non viene utilizzato.

Inoltre è presente la possibilità di ruotare i sedili anteriori di 180°, quando è inserita la guida automatica, per il massimo relax degli occupanti che si ritroveranno in una sorta di salottino. La plancia si caratterizza anche per il grosso tablet centrale asportabile, in grado di funzionare anche fuori dall'auto. Il volante adotta comandi sensibili al tocco e non manca, inoltre, l'head-up display.

Caratteristiche tecniche, meccanica modulare fino a 374 CV

La piattaforma Modular Electric Drive Kit (MEB) permetterà alla Volkswagen di dar vita a varie tipologie di veicoli con diverse configurazioni di trazione, posteriore o integrale.
In particolare l'I.D Buzz esposto a Detroit adotta le quattro ruote motrici e una capiente batteria, ma gli ingegneri di Wolfsburg hanno anche pensato ad una versione con la sola trazione posteriore, una potenza di 268 CV e dotata di una pila più piccola da 83 kWh.

La Concept presente al Salone di Detroit adotta, invece, un accumulatore alloggiato nel pavimento con una capacità da 111 kWh, ricaricabile fino all'80% in 30 minuti (sfruttando una presa Ccs da 150 kW). L'autonomia promessa è di 600 chilometri, secondo il ciclo di omologazione NEDC, con la trazione integrale realizzata utilizzando due motori elettrici, presenti uno sull'asse anteriore e uno su quello posteriore. Per quanto riguarda le prestazioni, la Volkswagen dichiara un'accelerazione da 0 a 96 km in 5 secondi ed una velocità massima di circa 160 km/h. In merito alle dotazioni tecnologiche, oltre alla guida autonoma (la stessa della I.D. Concept vista a Parigi) a bordo di questo prototipo è stato inserito un sistema per il riconoscimento della persona al volante in grado di memorizzare le preferenze del conducente in materia di condizionamento, posizione di guida, musica e illuminazione interna.

Volkswagen I.D. Buzz La Volkswagen sta lavorando intensamente sullo sviluppo di vari modelli elettrici da presentare nei prossimi anni e ha in programma di raggiungere entro il 2025 l’obiettivo del milione di automobili elettriche vendute all’anno. Per questo ha sviluppato l’innovativa piattaforma Modular Electric Drive Kit (MEB) che promette percorrenze analoghe a quelle di vetture con motore a benzina o a gasolio. L’I.D. Buzz è al momento solo un concept, ma potrebbe essere uno dei nuovi modelli elettrici che l’azienda tedesca lancerà nel prossimo decennio, debuttando forse sul mercato nel 2022.