Windows 10 Creator Update e modalità Game: PC e Xbox sempre più vicini

Nell'ultima build di Windows 10, da poco rilasciata, sono comparsi i primi indizi della modalità Game, che potrebbe nascondere molte novità.

speciale Windows 10 Creator Update e modalità Game: PC e Xbox sempre più vicini
Articolo a cura di
Alessio Ferraiuolo Alessio Ferraiuolo è cresciuto a pane, cinema e videogame. Scopre in giovane età la sua passione per la tecnologia, che lo porta a divorare tutto quello che il mercato ha da offrire, dall’hardware per PC agli smartphone, senza mai sentirsi sazio. Nel tempo libero adora suonare la chitarra, andare in palestra e guardare tonnellate di film e serie TV. Lo trovate su Google+ e su Facebook.

Non è un segreto che Microsoft voglia unificare le proprie piattaforme di gioco, fatto confermato anche dell'arrivo di molti titoli Xbox One su PC. Windows 10 ha posto una base comune importantissima per creare l'ecosistema hardware/software dedicato al gioco più grande del pianeta, perché è di questo che stiamo parlando: unire l'utenza Xbox a quella PC creerebbe un bacino di pubblico enorme, con buona pace per Sony, che potrebbe rimanere l'unica a continuare a puntare sulle console tradizionali, ma con aggiornamenti più frequenti nell'hardware. Anche se in molti sono scettici sull'unione dei due mondi, le Xbox del futuro continueranno ad offrire un'esperienza d'uso semplice ed immediata, diventando il punto d'ingresso del gaming su Windows 10, con i PC a portare più in alto l'asticella della qualità grafica e delle prestazioni. Due facce della stessa medaglia insomma, che si influenzeranno a vicenda sempre di più con il passare del tempo, come nel caso della "Game Mode" avvistata nell'ultima build di Windows 10, che potrebbe nascondere molte più novità di quanto si pensi, almeno in ottica futura.

La fusione di due mondi

La modalità "Game" è stata avvistata per la prima volta con l'arrivo della build 14997 di Windows 10, che contiene alcune delle novità che vedremo nel prossimo, importante, aggiornamento in lavorazione di Microsoft, il Creators Update. A scovarla è stato un Insider, che ha trovato una nuova dll chiamata semplicemente "gamemode.dll". Allo stato attuale, nessuno sa davvero a cosa serva e quando sarà utilizzata, ma le prime indiscrezioni parlano di una funzionalità in grado di ottimizzare il PC per fornire le massime prestazioni durante il gioco. Sembra quindi che Microsoft porterà su computer la stessa modalità di utilizzo già vista su Xbox One, con i dovuti accorgimenti certo, ma molto simile. Quando Xbox One avvia un gioco infatti entra in uno stato di funzionamento particolare, in cui la maggior parte delle risorse di sistema viene ottimizzata per consentire le massime prestazioni durante il gaming, mettendo da parte processi non fondamentali. Su console una modalità di questo tipo ha senso, se non altro perché le risorse sono limitate e di certo non paragonabili a quelle di un PC. Su computer invece i benefici sarebbero tutti da verificare, soprattutto sulle configurazioni di fascia alta. Da verificare è anche la compatibilità con i titoli esterni al catalogo Windows Store, presenti ad esempio su Steam o su Origin. Se davvero sarà questa l'unica funzione della Game Mode, allora i cambiamenti per gli utenti PC potrebbero essere tutto sommato marginali, soprattutto su hardware di alto livello. Ovviamente siamo sempre nel campo delle ipotesi, le informazioni sono purtroppo ancora scarse. Ma se invece questo fosse solo il primo passo verso la creazione di qualcosa di più complesso e importante per il futuro?

Una vera Game Mode

Windows 10 è un sistema operativo molto versatile, capace di girare su una vastissima quantità di hardware. Dai dispositivi per l'Internet of Things ai PC, passando per console e telefoni, l'ultimo sistema operativo di casa Microsoft si è dimostrato adattabile agli utilizzi più particolari. In ambito PC questa versatilità è evidente soprattutto nei notebook 2 in 1, dove in base alla modalità d'uso, computer o tablet che sia, l'interfaccia è in grado di plasmarsi al meglio per favorire la migliore esperienza d'uso all'utente. Desktop Mode e Tablet Mode sono due funzioni che Microsoft ha pubblicizzato molto durante il lancio di Windows 10, ritenendole fondamentali per far capire al pubblico le potenzialità del suo OS, ma se in futuro dovesse aggiungersi una terza modalità, specificatamente indirizzata al gioco? Ovviamente non ci sono informazioni che possano verificare questa affermazione, che rimane una pura speculazione, ma se Microsoft vorrà davvero unificare PC da gioco e console allora un'interfaccia maggiormente Game Friendly sarà fondamentale per la creazione di gaming machine personalizzate, magari da piazzare in salotto e da utilizzare solo con il pad.

Del resto, basterebbe riproporre la stessa interfaccia vista su console per trasformare un comune PC in una Xbox, per sfruttare al meglio il proprio hardware senza mouse e tastiera. E se dovesse servire, basterebbe tornare al Desktop Mode per godere dell'esperienza d'uso tradizionale del PC. Insomma, anche se non ci sono conferme, appare quanto mai probabile che Microsoft possa un giorno implementare una funzione di questo tipo, che renderebbe possibile creare console da gioco personalizzate, piazzabili ovunque e perfettamente utilizzabili con il pad.

Windows 10 Nessuno sa davvero a cosa serva la modalità “Game”, ma lo scenario che abbiamo descritto sembra essere quanto mai probabile, sempre che Microsoft voglia spingere l’integrazione tra PC e console fino ai massimi livelli in futuro. Una modalità di questo tipo tuttavia presuppone la creazione di una piattaforma di gioco unica che per ora è solo abbozzata, per cui ci vorrà del tempo per sapere se davvero Microsoft creerà un’interfaccia condivisa tra le due anime del gaming su Windows 10. Restano poi molti interrogativi sull’integrazione di servizi come Steam, molto più diffusi su PC rispetto al Windows Store, che almeno per ora non gode di molto appeal. Se davvero Microsoft vorrà fondere PC e console tuttavia, speriamo che questa “Game Mode” non si limiti alla sola ottimizzazione del sistema, ma faccia parte di un piano più ampio per la creazione di un ecosistema di gioco realmente unificato, spostando l’attenzione da PC e console al vero fulcro del business di Microsoft, che è e sarà ancora per molto tempo Windows 10.