Speciale Windows 8

Uno sguardo alla release preview del nuovo sistema operativo di Microsoft, ad un giorno dall'uscita ufficiale.

speciale Windows 8
Articolo a cura di
Alessandro Sordelli inizia la sua avventura videoludica ereditando un leggendario Commodore 64 a cassette magnetiche, computer che gli apre le porte ai giochi di ruolo e tutto ciò che è fantascienza. Pur nutrendo da sempre un particolare amore per la piattaforma PC, non disdegna il panorama console. E' in giro su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

L'attesa è finita e il colosso americano fondato da Bill Gates quasi trent'anni anni fa, si appresta a rilasciare il suo nuovo e tanto atteso sistema operativo Windows 8. Tante sono state le speculazioni nate e discusse attorno al nuovo software Microsoft, ma finalmente da domani potremo ufficialmente appurare quanto visto e sentito. L'azienda è al lavoro su questo OS sin dall'uscita dell'attuale versione Seven, con l'intento di costruire un software che fosse vesatile, adattabile ad una vasta tipologia di hardware e sopratutto performante in ogni occasione. Come molti di voi nelle scorse settimane, abbiamo messo le mani sulla release preview del prodotto Microsoft, una versione sostanzialmente definitiva del sistema operativo concessa dall'azienda al pubblico per valutare il prodotto prima del rilascio ufficiale, per avere un semplice assaggio di cosa ci riserva il prodotto fatto e finito. Con l'arrivo di Windows 8 arrivano numerosi interrogativi sulla qualità del nuovo OS di casa Redmond, vista la compatibilità con i device del prossimo futuro, ecco quindi a voi una breve panoramica e qualche prima impressione.

PRIME IMPRESSIONI

Il timore iniziale era che l'ago della bilancia pendesse verso i nuovi device Surface, con un sistema che tenesse in considerazione solo i nuovi hardware recentemente presentati da Microsoft, ma la paura è stata subito placata dalle prime versioni di prova e demo rilasciate al pubblico. Il nuovo Windows 8, presenta infatti una nuova interfaccia - inizialmente denominata "Metro", poi ribattezzata "Windows" - pensata per l'utilizzo su device di nuova generazione dotati di schermi touchscreen. Non parliamo solo di tablet, quanto di computer portatili e i nuovi device ibridi Surface, in grado di unire la versatilità del tablet all'efficienza del laptop. Microsoft sta puntando tantissimo al mobile, così come l'intera industria per ovvie questioni di andamento di mercato, tuttavia sarebbe stato impensabile tagliare le gambe alla normale utenza e a chi utilizza il computer tradizionale in casa o in ufficio. L'interfaccia classica di Windows è quindi ancora presente, con pochissimi cambiamenti rispetto a quanto vediamo nella versione attualmente disponibile del sistema operativo.
Le prime impressioni sono molto positive, con un sistema operativo strutturato in maniera pressoché identica ai predecessori, intuitivo, facile da utilizzare e anche ben ottimizzato. Naturalmente è sempre difficile parlare in questi termini e sarà necessario attendere qualche aggiornamento prima di veder funzionare qualche periferica o i software meno conosciuti. I requisiti minimi per il funzionamento sono praticamente identici a quelli di Windows 7, anche se era lecito aspettarsi qualcosa di meno considerando che il sistema operativo dovrà funzionare anche su device meno potenti e su CPU a basso consumo come la tecnologia Intel Atom: ci auguriamo in un'ottimizzazione delle risorse hardware, una cosa che testeremo i prossimi giorni installando il sistema anche su qualche netbook. L'interfaccia è più essenziale che mai, sia per quanto riguarda la modalità di visualizzazione classica che la nuova user interface pensata per le tecnologie touchscreen. Alla normale interfaccia si aggiunge infatti la nuova user interface, che ricorda l'impostazione già adottata da Microsoft per la dashboard di Xbox 360, con le slide che scorrono orizzontalmente con le varie icone quadrate e rettangolari. A livello grafico notiamo degli interessanti alleggerimenti, un importante miglioramento che ci farà risparmiare qualche risorsa di sistema, per un software green, pensato alla riduzione dei consumi. L'assenza del pulsante Start che da sempre caratterizza la distribuzione Microsoft, ci ha fatto inizialmente storcere il naso, ma è sufficiente far scorrere il puntatore del mouse nell'angolo in basso a sinistra dello schermo per richiamare immediatamente la nuova interfaccia e quindi tutte le applicazioni e le cartelle. Scompare anche risorse del sistema, anch'esso integrato nel pannello Windows che funziona ufficialmente da content manager. Difficile valutare la qualità dello store - un altra novità introdotta con l'ottava versione del noto sistema operativo - al momento molto povero di contenuti.

COMPATIBILITÀ HARDWARE E SOFTWARE

Una compatibilità piena e totale al lancio è sempre utopica, anche se l'obiettivo di Microsoft è quello di offrire ad ogni tipo d'utenza un prodotto che non faccia accusare nessun colpo, come spesso avviene al passaggio ad un nuovo sistema operativo.
Per venire incontro agli utenti, Microsoft ha pensato bene di aprire un'apposita pagina web con l'elenco del software e hardware disponibile sul mercato e compatibile con Windows 8. In aggiunta, è possibile scaricare l'Upgrade Assistant che ci viene ulteriormente in aiuto, informandoci se il nostro sistema è pronto per l'aggiornamento alla nuova versione dell'OS.
Il passaggio da XP a Vista fu tremendo, con decine di software e giochi che non volevano saperne di funzionare sul nuovo OS, mentre la successiva transizione da Vista a Seven fu quasi indolore, anzi, fu sicuramente un successo per la corporation di Redmond, motivo per il quale siamo molto fiduciosi del lavoro svolto dai tecnici e dagli sviluppatori. I nostri test hanno dato esiti positivi, ma attendiamo la release ufficiale prima di trarre le nostre conclusioni.
Per quanto riguarda l'ambito gaming, è sempre difficile consigliare il passaggio immediato e repentino al nuovo sistema operativo. Windows 7 si è rivelato un ottima base per videogiocatori d'ogni categoria, confermandosi un software sviluppato su un codice pulito, ben ottimizzato, compatibile anche con software sostanzialmente vecchio, grazie ad una "modalità compatibile" migliorata e rielaborata. La nuova versione di Windows in uscita il 26 di ottobre è ovviamente costruita sulla base di Seven, motivo per il quale i videogiocatori non dovrebbero avere nulla di cui temere: inoltre AMD e NVIDIA sono al lavoro su driver compatibili e ottimizzati già da molto tempo, un'altra ragione per la quale possiamo restar tranquilli.

Windows 8 Ricordiamo ancora una volta che il nuovo Windows 8 sarà disponibile in tutti i negozi da domani 26 ottobre, al prezzo di lancio consigliato di 59,90 € per la versione PRO. Noi siamo già pronti in prima linea per testare ogni funzionalità del nuovo prodotto Microsoft, con articoli mirati alle nuove feature, cloud service, l'utilizzo in ambito multimediale, gaming e naturalmente l'implementazione del servizio Xbox Live. Restate sintonizzati su Everyeye per sapere tutto quel che occorre sul nuovo sistema operativo di Microsoft.