Adobe chiede il 10% dei proventi delle app per iOS create con Director 12

di
INFORMAZIONI SCHEDA

Pochi giorni fa Adobe ha annunciato il rilascio di Adobe Director 12 che offre anche la possibilità di creare app per il sistema operativo iOS in maniera abbastanza rapida e, fin qui, nulla di negativo, anzi; la patata bollente arriva nel momento in cui l’app creata con il software in questione riscuote successo e, a quel punto, Apple pretende una percentuale sugli introiti. In queste ore, la società ha ritoccato l’EULA, modificandolo in questo modo: “Adobe Director 12 può ora pubblicare i giochi direttamente sui dispositivi iOS attraverso un semplice ma potente flusso di lavoro. I giochi esistenti possono essere ripubblicati per girare sulla piattaforma iOS. Migliorate l’esperienza di gioco incorporando il nuovo supporto agli accelerometri e alle altre interazioni specifiche del dispositivo. *Si applicano tariffe aggiuntive(Da notare l’asterisco finale).

A partire da oggi, gli sviluppatori che si avvalgono di Director 12, sono tenuti a versare ad adobe il 10% dei propri guadagni per tutte le app create che superano i 20.000$ di introiti sull'App Store. La procedura messa in atto da Adobe è alquanto assurda:al superamento della soglia stabilita, saranno gli sviluppatori a dover comunicare ad adobe la cosa, e provvedere al versamento, seguendo le indicazioni riportate nell'estensione controntrattuale di Adobe Director: "Relativamente ad ogni app iOS a pagamento, il cliente si impegna a corrispondere ad Adobe il 10% delle entrate versate da Apple Inc e/o agli affiliati al cliente in relazione a tali app a pagamento in un trimestre [...]. Il cliente non è obbligato a corrispondere ad Adobe alcuna porzione dei guadagni iniziali fino al raggiungimento della soglia dei 20.000$ [...]. Nel caso in cui il cliente non intenda accettare i termini enunciati in questo contratto, non potrà far uso del software.". Quasi inutile sottolineare come la notizia abbia creato un certo malcontento sul forum si supporto ufficiale.