Adobe punta il dito verso Apple per la morte di Flash

di
INFORMAZIONI SCHEDA

Mike Chambers è uno dei principali product manager di Adobe per il progetto Flash. Sul suo sito personale si è espresso in termini chiarificatori sulla questione Apple vs Flash, incolpando in un certo senso Apple per la scomparsa prematura della piattaforma multimediale di Adobe. Sappiamo infatti che per il suo smartphone Apple non ha mai accettato la piattaforma Flash, reputandola troppo aperta e rischiosa ma anche più limitata rispetto all'HTML5.

Nelle sue parole "data la frammentazione del mercato mobile e il fatto che uno dei principali sistemi operativi mobili (iOS) non abbia mai consentito l'ingresso di Flash nel suo browser, questa piattaforma non ha mai potuto trovare l'ubiquitarietà che ha invece la sua controparte desktop. Qualsiasi cosa facessimo, Flash non sarebbe mai potuto essere disponibile per iOS.". Le dichiarazioni riaccendono la miccia della polemica che gira attorno alla questione, che la ferrea volontà di Apple di non avvalersi in alcun modo della tecnologia Flash ha sempre alimentato. Potete leggere il resto della lunga dichiarazione sul blog di Mike Chambers.