AirBnB: per una ricerca gli host tendono a respingere gli user con disabilità

di
INFORMAZIONI SCHEDA
Ancora grane per AirBnB, l'app che permette di affittare la propria casa per brevi periodi con un click, dopo le accuse di razzismo che avevano portato lo Stato della California a prendere seri provvedimenti, ora gli host della popolare piattaforma sono tacciati di discriminare frequentemente gli utenti disabili. Lo rivela uno studio di Rutgers.

AirBnB, lo ricordiamo, non è un servizio alberghiero tradizionale ma si limita a mettere in contatto proprietari di case e turisti che desiderano soggiornare in una città per un breve periodo. Fatta la richiesta da parte di questi ultimi, sta al proprietario decidere se accettarla o meno.

A quanto pare gli utenti con disabilità hanno più probabilità di vedersi rifiutare la richiesta rispetto agli altri utenti. Un utente medio ottiene una pre-approvazione da parte dei proprietari di casa nel 74.5% dei casi, numeri che crollano drasticamente se si è un disabile. Ad esempio una persona affetta da nanismo ha il 60.9% di possibilità di essere approvato, mentre una persona cieca ha solo il 49.7% di chance di venire approvata.

Nel caso di paralisi cerebrale e di problemi che impediscono la deambulazione autonoma i numeri scendono addirittura al 43.4% e al 24.8%, anche se forse in quest'ultimo caso più che la voglia di discriminare incide la preoccupazione che la propria casa non sia idonea ad accogliere una persona in sedie rotelle, o almeno così si spera.

Lo studio è stato condotto nell'arco di sei mesi, con più di 3.800 richieste di prenotazione esaminate.