Android: oltre la metà dei dispositivi richiede una patch di sicurezza

di

Tutti gli appassionati di tecnologia, indipendentemente dalla piattaforma software preferita, sanno che ogni sistema operativo ha i suoi pregi e i relativi difetti. Riferendoci al panorama mobile, iOS di Apple è stato più volte considerato come più sicuro della controparte di Google, anche se ultimamente, proporzionalmente alla diffusione del sistema operativo targato Cupertino, la tesi della sicurezza quasi assoluta del software della mela è stata più volte sconfessata; stando ai risultati pubblicati dalla società DuoSecurity, gli utenti Android sarebbero ancora quelli più a rischio. La compagnia specializzata nella protezione delle organizzazioni ha pubblicato gli esiti preliminari del suo progetto, denominato “X-Ray”, presso la United Summit Conference: lo studio consiste in un’applicazione mobile, installata su qualsiasi dispositivo Android, funzionante in background, che esegue una serie di test volti a trovare informazioni sulla vulnerabilità generale del dispositivo. La particolarità dell’applicativo risiede nella sua capacità di riuscire a rilevare vulnerabilità note ma non ancora patchate, che consentirebbero quindi un potenziale attacco.

La compagnia fino a questo momento ha raccolto dati provenienti da circa 20.000 smartphone e tablet con sistema operativo Android, rilevando come tra questi, oltre il 50% conterrebbero serie vulnerabilità non corrette. La società fa notare come il principale problema risiederebbe nell'eccessiva lentezza delle aziende nel rilascio di aggiornamenti per il sistema operativo di Google.
Android: oltre la metà dei dispositivi richiede una patch di sicurezza