Apple conferma lo sviluppo di un sistema di guida autonoma per automobili

di
Dopo mesi di indiscrezioni e presunte tali, Apple ha formalmente annunciato di essere al lavoro su un sistema software per automobili. La compagnia di Cupertino, infatti, in una lettera inviata all’US National Highway Traffic Safety Administration, ha sollecitato il governo a non limitare la sperimentazione dei veicoli autonomi.

La lettera è stata scritta da Steve Kenner, un dirigente di Apple che non ha accolto favorevolmente il piano recentemente annunciato dal Dipartimento dei Trasporti americano, che secondo lo stesso potrebbe porre dei paletti alla sperimentazioni di queste tecnologie. Kenner afferma che “Apple utilizza il machine learning per rendere i propri prodotti più intelligenti, intuitivi e personali. L’azienda sta investendo pesantemente nello studio del machine learning ed automation, ed è eccitata per il potenziale che questi potrebbero avere in molti settori, compreso il trasporto”.
Apple è inoltre convinta del fatto che i produttori affermati ed i nuovi entranti dovrebbero essere trattati allo stesso modo, in modo tale da massimizzare i benefici per la sicurezza della tecnologia.
La società californiana ha anche rilasciato una dichiarazione separata al Financial Times, in cui un portavoce ha precisato che la lettera altro non era che un modo attraverso cui l’azienda voleva garantire che l’NHTSA metta in atto delle pratiche migliori per il machine learning e sistemi autonomi: “abbiamo rilasciato tali commenti all’NHTSA perchè Apple sta investendo pesantemente nel machine learning e nei sistemi autonomi. Ci sono molte applicazioni per queste tecnologie, tra cui il trasporto, ed è per questo che vogliamo collaborare con questo ente per il bene dell’industria” ha affermato il portavoce.
Apple, secondo quanto affermato da molti, starebbe lavorando sia sul fronte della realtà aumentata sia su quello della guida autonoma, e nel giro di 3-5 anni vedremo le prime applicazioni pratiche di queste tecnologie, almeno secondo KGI.

FONTE: 9to5Mac