Apple: gli Store hanno bisogno di un responsabile

di

Sono 10 mesi che Apple è alla ricerca di un capo responsabile per i propri Store fisici. Dopo il licenziamento nell'ottobre del 2012 di John Browett , autore di scelte che poco furono gradite da dipendenti e dirigenti, Tim Cook ha assunto il ruolo di supervisore, ma ha comunque incaricato gli esperti di Egon Zehnder International per trovare un possibile candidato. I professionisti di risorse umane stanno lavorando alacremente per scegliere una lista di possibili candidati al ruolo e recentemente un portavoce di Apple ha rilasciato questa dichiarazione:"Stiamo attivamente cercando, nel frattempo abbiamo una rete di leader che continueranno a fare l'eccellente lavoro che hanno fatto finora". Nonostante nel 2012 le vendite per piede quadrato negli Apple Store si sono attestate sui 5971 dollari, il 17% in più rispetto ai 5098$ del 2011, i dirigenti di Cupertino stanno vedendo che i prodotti della Mela vengono ormai distribuiti da un'infinità di canali alternativi a prezzi anche più bassi. In poche parole Apple ha paura di perdere il controllo della propria rete di vendita, la causa per cui, lo stesso Steve Jobs, ex CEO dell'azienda americana, aveva ideato degli Store proprietari forgiandoli sulle proprie idee rivoluzionarie, sin nei minimi dettagli. E pensare che alcuni dei negozi più importanti al mondo, come Tiffany & Co o il colosso dell'abbigliamento sportivo, Lululemon Athletica, farebbero qualunque cosa per raggiungere i numeri "in crisi" degli Store della Mela.