Apple: in Cina Tim Cook chiede scusa agli utenti e annuncia modifiche al sistema di garanzia dei dispositivi

di

Apple e la garanzia: un rapporto molte volte, forse anche troppe, risultato lacunoso, in diverse parti del mondo. In Italia, come molti sanno, l'azienda di Cupertino è stata persino multata in maniera salata per una scarsa chiarezza sulle politiche di garanzia adottate. Da quel momento Cupertino ha concesso agli utenti del Belpaese i due anni canonici di assistenza prevista dalla legislazione europea. In Cina, la situazione sembrava addirittura peggio, visto che è stato il governo ad attaccare la compagnia lamentandosi della differenza di trattamento rispetto ad altre nazioni, tanto che Tim Cook si è visto costretto a porre le sue scuse (il mercato cinese vale la candela) a tutti gli utenti, tramite lettera sul sito web Apple, e ad annunciare delle modifiche sostanziali alle politiche sulla garanzia. Tra i miglioramenti più importanti, troviamo la sostituzione completa dell'iPhone 4S e 4 in caso di rottura, e non solo delle parti difettose come avveniva fino ad oggi. Di seguito trovate un breve elenco delle novità assistenziali per i clienti del paese della Grande Muraglia.


  • Migliorata la politica per la riparazione di iPhone 4 e iPhone 4S;
  • Fornitura di informazioni chiare e concise sul sito web ufficiale di Apple sulle politiche per la riparazione e la garanzia;
  • Aumentata l'intensità e la supervisione del training di Apple Authorized Service Provider;
  • Risoluzione di problemi così da consentire agli utenti di contattare facilmente l'Apple Feedback Service;
Le suddette novità entreranno in vigore già da questo mese. Apple non può permettersi di perdere colpi in una nazione con il più alto bacino potenziale d'utenza al mondo.