Apple: l’effetto dell'eventuale ban dei vecchi iPhone sarà marginale

di

Secondo quanto riportato da due diverse società di analisi in merito alla decisione dell’International Trade Commission di bloccare l’importazione negli Stati Uniti dei vecchi modelli della linea iPhone e iPad, le ripercussioni sulle tasche di Cupertino saranno minime. Maynard Um di Wells Fargo Securities, pur riconoscendo la pubblicità tutt’altro che positiva che una simile notizia comporta nei confronti della società della mela, sostiene che il peso della limitazione sia molto contenuto; i device da tenere sotto esame sono solo iPad 2 e iPhone 4, prodotti che stanno raggiungendo la fine del loro ciclo di vita, considerando che sia il tablet che il melafonino verranno eliminati dai cataloghi non appena Apple renderà disponibili iPhone 5S e iPad 5.

Prevedendo 1,5 milioni di questi dispositivi venduti da qui all'autunno, l'azienda perderebbe solamente un guadagno, per azione, di 24 centesimi. Sono addirittura più rosee, invece, le previsioni di Gene Munster, di Piper Jaffray, il quale ha deciso di non ridimensionare assolutamente le sue precedenti analisi sull'andamento delle vendite di Apple; qualora il ban entrasse in vigore, peserà meno del'1% sui guadagni totali dell'azienda guidata da Tim Cook, cifra che la mela può quasi ignorare: "L'effettivo impatto sarà probabilmente meno dell'1%, considerato come i clienti AT&T che non avranno la possibilità di acquistare un iPhone 4 potrebbero decidere di comprare un iPhone 4S o un iPhone 5. Considerato come iPhone 4 sarà probabilmente dismesso alla fine di settembre, non dovrebbe esserci alcun impatto dopo questo quarto".