Apple: non c'è stato nessun malfunzionamento del Face ID durante il keynote

di
Durante l’evento di due giorni fa, nel corso del quale Apple ha presentato il nuovo iPhone X, in molti si sono accorti che durante la demo di Craig Federighi del sensore biometrico per il riconoscimento facciale Face ID, l’iPhone ha fatto cilecca non riconoscendo il dirigente, scatenando non pochi dubbi sull’affidabilità e precisione della feature.

Apple ha immediatamente voluto smontare il tutto, ed attraverso una dichiarazione rilasciata a Yahoo, il rappresentante della compagnia ha affermato che il dispositivo ha chiesto il codice di Federighi in quanto precedentemente, dietro le quinte, molte persone hanno tentato di utilizzare lo smartphone, non sapendo che l’iPhone X stava facendo una scansione delle loro facce. E’ come quando su un iPhone 7 o precedente si tenta di mettere più volte l’impronta digitale, sbagliando dito, ad un certo punto il cellulare per una questione di sicurezza richiede il codice.

La differenza sta nel fatto che il Face ID, contrariamente a quanto accade col Touch ID, consente solo due tentativi falliti di riconoscimento, dopo di che blocca il telefono e chiede un codice di accesso per accedere al dispositivo.

Il tutto è confermato dal fatto che successivamente l’iPhone X usato da Federighi ha fatto il suo lavoro senza alcun problema.