Apple: problemi con il marchio iWatch in USA e Regno Unito

di

L’orologio che la società di Cupertino potrebbe vedere la luce entro la fine di quest’anno, resta, in ogni caso, nel campo delle ipotesi: dell’iWatch se ne discute quotidianamente, ma la certezza che il gruppo di Tim Cook sia davvero intenzionato a lanciare un prodotto simile, al momento manca. Una piccola conferma è giunta in questi giorni, con la registrazione voluta dalla Mela in alcune nazioni mondiali del matchio, tra cui Giappone, Russia, Taiwan, Messico e Turchia, mentre la strada da percorrere negli Stati Uniti e nel Regno Unito potrebbe essere in salita. Stando a quanto riportato dall’informatissimi MacWorld, il brand iWatch, in USA e UK sarebbe già stato registrato da altre società, e quindi Apple potrebbe faticare molto a ottenere una licenza; una lancia a favore del gruppo della mela morsicata potrebbe essere spezzata in virtù del fatto che le aziende non sono particolarmente conosciute, e un accordo economico potrebbe far si che il nome venga ceduto.

 Il marchio, negli Stati Uniti, è stato registrato da una startup denominata OMG Electronics, attualmente impegnata per la realizzazione di un orologio multimediale , mentre nel Regno Unito il detentore è Probendi, azienda che ne detiene il controllo anche nel Vecchio Continente data la natura "community" del suo trademark. Basteranno degli eventuali accordi economici affinché Apple possa battezzare in iWatch il tanto misterioso e chiacchierato device? Staremo a vedere l'evoluzione delle cose nel corso dei prossimi giorni.