Apple sta preparando un proprio sistema di pagamento

di

Apple ha un tesoro inestimabile. Non stiamo parlando di “sporchi” contanti (importanti anche quelli) ma di un enorme numero di carte di credito legate ai possessori di iPhone e iPad necessarie per gli acquisti su iTunes e su App Store. Grazie a questa “ricchezza” a Cupertino starebbero pensando di creare un sistema di pagamento mobile proprietario. Con questa mossa Apple entrerebbe in concorrenza con altre compagnie che operano con contante virtuale, come PayPal ad esempio.

Eddy Cue, a capo del team che lavora ad iTunes e all'App Store, ha incontrato dirigenti di altri settori per cercare di spianare la strada all'incursione di Apple nel mondo dei pagamenti mobili. Diverse fonti avrebbero riferito al Wall Street Journal che Jennifer Bailey, responsabile dello store online della società, è stato designato per iniziare questa nuova attività. All'interno dell'Apple Store possono già essere effettuati acquisti tramite la carta di credito associata all'account iTunes, ma ciò che non si può fare è comprare oggetti in altri negozi con quello stesso account. Alcune indiscrezioni indicherebbero il TouchID come strumento per ridurre il rischio di frodi elettroniche.  Se Apple entrasse in questo mercato potrebbe controllare un numero enorme di dati in maniera abbastanza rapida nonostante la società disponga di 575 milioni di utenti registrati su iTunes e ha venduto 375 milioni di iPhone negli ultimi cinque anni, 155 milioni di iPad sin dal 2010. Nel 2012 Tim Cook sembrò interessarsi ai pagamenti mobili ma preferì non intraprendere alcun iniziativa per paura che un fallimento tra cliente e commerciante potesse danneggiare la reputazione di Apple.