Bitcoin: UASF del primo agosto superato con successo, SegWit va avanti

di
Il Bitcoin ha superato con successo, come già anticipato da tutta la rete, il 1 agosto, evitando che si attivasse UASF, ovvero un bivio, che scindesse la Blockchain esistente in due Blockchain diverse che non potessero comunicare l'una con l'altra. Ora il vero problema del Bitcoin è il Bitcoin Cash, una nuova criptovaluta.

Vi avevamo parlato della votazione del primo agosto nello speciale dedicato all'evento, e già in quella sede era stato detto che non ci sarebbe stato un fork della rete. Il problema di cui si parla è la crescita della Blockchain e del numero di transazioni e il metodo di risoluzione non condiviso dalla community. Da una parte gli utenti vogliono il SegWit che crea dei canali di scambio rapidi di Bitcoin evitando di farli circolare direttamente nella Blockchain, dall'altra si vuole aumentare la dimensione dei blocchi da 1MB attuale ad almeno 2MB (o 8MB per il Bitcoin Cash).

Per gli aggiornamenti della Blockchain vengono implementati dei Bitcoin Improvement Proposal (BIP) che i miners votano: in alcuni casi può avvenire una scissione della catena se tutti gli utenti non approvano il nuovo protocollo. Un po' come pensare agli utenti che scelgono un device Android piuttosto che uno iPhone: se questi hanno due porte di alimentazione diverse, non è possibile farli comunicare con il PC usando lo stesso cavo.

Il BIP 148 del 1 agosto avrebbe dovuto creare un fork, UASF (user-activated soft fork) se i nodi non avessero riconosciuto l'aggiornamento SegWit: la community si sarebbe spaccata in due tra chi sosteneva SegWit e chi ne era contrario e ne rifiutava il protocollo. Come voler comunicare con un device ad infrarossi con uno a Bluetooth.

Invece di creare questa scissione forzata, è stato introdotto il BIP91 il 23 luglio per l'attivazione di SegWit che è stato votato dal 100% dei miners. Tuttavia ora bisognerà studiare la situazione creatasi con la nascita del Bitcoin Cash, che ancora ha poco sostegno ma potrebbe creare non pochi problemi alla mamma di tutte le criptovalute.