Caso eBook: Apple commenta l'accusa

di

Di recente un giudice ha scoperto che Apple ha violato alcune leggi previste dall'antitrust e riguardanti il prezzo degli eBook. La società è stata accusata di cospirazione al fine di mantenere artificialmente alti i prezzi dei testi. Il giudice distrettuale Denise Cote ha dichiarato che la società diretta da Tim Cook dovrà affrontare un processo che quantificherà i danni apportati all'industria. Secondo Reuters sul banco degli imputati ci sarebbero anche diversi editori. Apple, ai microfoni di AllThingsD, ha voluto rispondere alla corte dicendo che "Apple non ha effettuato nessuna cospirazione riguardo i prezzi degli eBook e continueremo a lottare contro queste accuse false. Quando abbiamo introdotto l'iBook Store, nel 2010, abbiamo dati ai clienti una scelta più ampia, ed un'iniezione d'innovazione necessaria per una corretta concorrenza. Abbiamo anche interrotto il monopolio che Amazon teneva sul settore dell'editoria. Non abbiamo fatto nulla di sbagliato e faremo appello contro la decisione del giudice".