Classifica dei 7 pianeti più estremi di tutto l'universo

di
Arriva un'interessante classifica fornita da The conversation dei sette pianeti più estremi presenti nell'universo. Parliamo di caratteristiche come il calore, la grandezza, l'età e il clima.

Pianeta più caldo: KELT-9b
Fa parte della stella HD 195689, nota anche come KELT-9, il pianeta KELT-9b è il più caldo che si conosca, con la sua massa 2.5 volte più grande del sole e la superficie di quasi 10000 °C. La vicinanza del pianeta b alla sua stella è maggiore di quella di Mercurio al sole, che infatti ha "solo" 5500 °C sulla superficie. KELT-9b compie un giro intero attorno alla sua stella in circa 1,5 giorni contro gli 88 di Mercurio ed è simile a Giove come composizione (ovvero è un gigante gassoso, in quanto la maggior parte della sua massa sarebbe allo stato aeriforme).

Pianetà più freddo: OGLE-2005-BLG-390Lb
Con la sua massa 5.5 volte più grande della terra, OGLE-2005-BLG-390Lb è presumibilmente roccioso e sicuramente freddo con i suoi -223 °C (ricordiamo che la temperatura minima raggiungibile è -273,15 °C quando le particelle non si muovono). Nel nostro sistema solare si troverebbe tra Marte e Giove, ma orbitando attorno ad una stella nana rossa con poca massa ha una temperatura molto bassa. Se il nome vi sembra troppo complicato da pronunciare, potete chiamarlo semplicemente Hoth, in riferimento al pianeta ghiacciato di Star Wars.

Pianeta più grande: DENIS-P J082303.1-491201 b
Alcune stelle sono chiamate nane brune in quanto hanno la massa necessaria per iniziare un processo di fusione che le accende letteralmente come il sole, ma non sono abbastanza larghe da sostenere questo processo. Il pianeta DENIS-P J082303.1-491201 b ha una massa 28,5 volte più grande di quella di Giove (e Giove è grande... grande 2,5 volte tutti i pianeti del sistema solare messi insieme!), un numero così alto che ancora oggi si dibatte sul fatto che sia un vero pianeta o una nana bruna. Eppure questo impronunciabile pianeta b è già ospite della nana bruna 2MASS J08230313-4912012.

Pianeta più piccolo: Kepler-37b
Poco più piccolo della nostra Luna, Kepler-37b è il più piccolo esopianeta (cioè pianeta non facente parte del sistema solare) finora scoperto. La sua superficie è così calda che è impossibile trovare dell'acqua su di esso.

Pianeta più vecchio: PSR B1620-26 b
PSR B1620-26 b ha ben 12,7 miliardi di anni, è grande 2,5 volte Giove. Contando che l'universo ha 13,8 miliardi di anni, si può dire che questo pianeta esiste... da sempre. Ruota attorno a due stelle che ruotano anch'esse l'una attorno all'altra: una di queste stelle è una nana bianca, ovvero una stella che ha perso tutto il suo "carburante".

Pianeta più giovane: V830 Tauri
V830 Tauri ha "solo" 2 milioni di anni, risultando il pianeta più giovane che sia mai stato rilevato. La massa è la stessa del sole ma con il doppio del raggio, quindi probabilmente non ha raggiunto la sua forma finale. Infatti l'immenso pianeta è un gigante gassoso come Giove, e si pensa stia ancora crescendo. Come è possibile? Tramite la collisione di V830 Tauri con altri corpi planetari come asteroidi.

Pianeta con le peggiori condizioni atmosferiche: Venere
Infine siamo arrivati ad un pianeta del nostro sistema solare, che prende il nome dalla divinità greca dell'amore, della bellezza e della fertilità: Venere. Anche Giove non è passato inosservato dopo le recenti foto che ritraggono un'atmosfera alquanto "turbolenta". Ma nulla può superare le piogge di acido solforico di Venere (per chi non lo sapesse, è altamente corrosivo). L'atmosfera di questo pianeta è più veloce della sua rotazione, con gli uragani che hanno una velocità di 360Km/h circa. Su ogni polo ci sono dei continui cicloni a due occhi (che potete visualizzare su questo LINK) e l'atmosfera è 100 volte più densa di quella sulla terra, per il 95% costituita da anidride carbonica. Sulla superficie la temperature è di 462 °C, più alta di Mercurio. Insomma non ve lo consigliamo per una vacanza, casomai aveste ancora dei dubbi.

Classifica dei 7 pianeti più estremi di tutto l'universo