Concesso un brevetto per un flash LED multiplo a Google

di

Nel settembre 2011 Google presentò un progetto di brevetto che prevedeva il posizionamento di più flash LED lungo la parte posteriore o laterale di un dispositivo. Poche ore fa, l'USPTO ha concesso tale brevetto e, in base alle news che circolano in rete, potremo presto vederlo messo in pratica, grazie all'arrivo di un nuovo Nexus. Google afferma che uno degli aspetti negativi nell'avere un singolo flash o, al massimo due messi insieme, è la comparsa delle ombre nelle foto. Grazie ad un sistema di posizionamento irregolare dei LED, il dispositivo potrebbe essere dotato di un flash "simil-Xenon", pur non consumando tantissima energia come in una DSLR o su una Galaxy Camera con flash pop-up.

Ovviamente Google non ha creato un sistema così complesso per risolvere solo il problema delle ombre. Per esempio potranno essere scattate foto in rapida sequenza che useranno singoli flash diversi, in modo da creare collage di altissima qualità, privi di ombre e pieni di profondità. Nel lungo periodo sarebbero molte le novità introdotte da questo sistema, anche se ci sono delle perplessità sul conseguente aumento dello spessore del device che ospiterà tale tecnologia. Staremo a vedere come si svilupperà la cosa.
Concesso un brevetto per un flash LED multiplo a Google