Cyberbullismo: l'11% dei minori approva gli insulti sui social

di
E’ un quadro preoccupante, quello emerso da un’indagine portata avanti da Generazioni Connesse e Skuola.net, quello presentato questa mattina ai ragazzi e ragazzi dell’Università di Firenze. Secondo quanto emerso, l’11%dei giovani approva gli insulti suo social network, con il 13% che ha apertamente dichiarato di aver insultato un VIP.

La ricerca è stata condotta su un campione con fascia d’età tra i 14 ed i 18 anni, ed è emerso che il 40% degli intervistati trascorre online più di cinque ore al giorno. L’applicazione più utilizzata è risultata essere Whatsapp, con l’80,7%, seguita da Facebook al 76,8% ed Instagram, al 62,1%.
Preoccupante anche la parte riguardante la verifica delle informazioni e notizie online: il 14% dei ragazzi ha dichiarato di non aver mai controllato la veridicità, il che dimostra che i ragazzi si lasciano trasportare dai titoli, che come ampiamente dimostrato di recente possono fomentare e provocare reazioni di rabbia.
Sempre a proposito del cyberbullismo, aumentano anche gli insulti ai conoscenti ed amici, il tutto a causa della “protezione” che offre lo schermo.