Da Fujitsu la tastiera virtuale con la fotocamera dei tablet

di

La maggioranza di smartphone e tablet attualmente in commercio non sono dotati di tastiere fisiche, e per l’interazione con il dispositivo l’utente è costretto all’utilizzo delle tastiere virtuali, che coprono più della metà del display touchscreen del dispositivo, rendendo alle volte difficile vedere il resto della pagina di un sito o qualsiasi altra informazione utile alla navigazione. Fujitsu è al lavoro su una nuova applicazione che darà la possibilità di digitare senza bisogno di toccare lo schermo: basterà mantenere il tablet in posizione verticale così che la fotocamera integrata provvederà alla conversione del movimenti delle dita sul tavolo o sulla scrivania in normale testo. L’idea non è assolutamente nuova, ma si accosta di molto a quella delle tastiere virtuali riprodotte da un proiettore, con il laser che crea i tasti su un tavolo per poi associarli ad ogni movimento delle dita.

La differenza tra la tecnica adottata dai proiettori e quella di Fujitsu risiede tutta nell'integrazione: ogni smartphone o tablet dotato di fotocamera frontale potrà servirsi della tastiera virtuale, senza la necessità di gadget, proiettori portatili o dispositivi esterni da collegare al device; la tecnologia, inoltre, non dovrebbe essere nemmeno costosa da implementare. TechCrunch riporta che la soluzione sulla quale Fujitsu sta lavorando è anche in grado di determinare dimensione e movimenti delle mani, così da posizionare la tastiera in maniera comoda all'utente. Al momento la tastiera basata sulla fotocamera è solo un prototipo, ma la società potrebbe valutare la possibilità d'inserimento di un qualcosa di simile nei suoi futuri dispositivi.