Dal 2030 l'aeroporto di Dubai userà scan biometrici al posto dei passaporti

di
Al Dubai International Airport il processo di riconoscimento tramite passaporto per accedere all'area ritiro bagagli dopo l'atterraggio verrà presto sostituito da affidabili e moderni scan facciali, un modo per ridurre in maniera sensibile i tempi di attesa. Il progetto è seguito dalla startup britannica ObjectTech.

ObjectTech ha annunciato che lavorerà con il Governo di Dubai per installare speciali tunnel che, al passaggio dei passeri, saranno in grado di effettuare una scansione 3D della loro faccia effettuando poi un confronto con il passaporto digitale pre-registrato con l'impiego di un software per il riconoscimento facciale.

Quando il progetto sarà completato i passeggeri in arrivo a Dubai potranno scendere dall'aereo e recarsi direttamente al ritiro bagagli tramite i tunnel per il riconoscimento biometrico.

Perché questo sia possibile, tuttavia, i viaggiatori dovranno prima richiedere ed ottenere un passaporto "interamente digitalizzato" che, oltre alle informazioni contenute nel chip del passaporto fisico, avrà ulteriori dati come i rilievi delle impronte digitali, dell'iride e i dati necessari al riconoscimento facciale. É evidente che la scorciatoia sarà in un primo momento pensata per i residenti e i visitatori abituali, come professionisti e investitori spesso in viaggio per il Paese arabo.

"Dubai ha intenzione di migliorare le vite dei suoi cittadini e visitatori tramite la tecnologia", ha commentato Paul Ferris, co-fondatore della startup dietro all'ambizioso progetto, ObjectTech. "Siamo estremamente entusiasti di contribuire a rendere questa cosa una realtà".