DDL Fiano: prevista l'apologia di fascismo anche sui social

di
Del disegno di legge 3243 presentato dal deputato del Partito Democratico, Emanuele Fiano, negli ultimi giorni hanno a lungo parlato i vari giornali in quanto prevede l’introduzione del reato di apologia di fascismo per “chiunque propaganda le immagini o i contenuti propri del partito fascista o del partito nazionalsocialista tedesco”.

Secondo quanto riferito oggi da La Stampa, la legge estenderebbe il reato anche ai social network, in quanto prevede “una reclusione da sei mesi a due anni con la pena aumentata di un terzo se il fatto è commesso attraverso strumenti telematici o informatici”, ad esempio Facebook o Twitter.

Giovanni Baldini, che per la testata Patria Indipendente aveva condotto una ricerca proprio sul reato di apologia di fascismo sui social network, parlando con La Stampa ha affermato che "il trend vede la creazione di un numero compreso tra le 30 e le 40 nuove pagine Facebook al mese connesse al fascismo e ai suoi ideali e simboli. L’interesse per la nostra ricerca è costante. Stiamo ragionando con il direttivo nazionale per produrre un libretto. Il dialogo con Facebook Italia, a oggi, purtroppo stenta”.

Nel frattempo, però, sui vari social network si è scatenato il dibattito, anche con toni molto forti, su questo DDL.