Deep web: nel 2015 TOR ha raccolto oltre tre milioni di dollari

di
INFORMAZIONI SCHEDA
L'organizzazione non profit dietro al software TOR, la tecnologia che permette l'accesso al deep web, non se la passa benissimo visto che l'anno scorso Jacob Applebaum, uno dei principali sviluppatori, ha dovuto licenziarsi in seguito a pesanti accuse di molestie sessuali. Tuttavia l'organizzazione gode di ottima salute finanziaria.

La non profit avrebbe infatti raccolto nel 2015 oltre tre milioni di dollari. Per la precisione parliamo di 3.3 milioni di dollari, nel 2014 ne erano stati raccolti due e mezzo. Si tratta del risultato migliore mai ottenuto da TOR.

"Le donazioni provenienti da privati e altre fondazioni sono cresciute rispetto al 2014, ma siamo ancora attorno al 10-15% del totale. C'è ancora molto lavoro da fare." ha commentato Roger Dingledine, direttore della ricerca e presidente di TOR. Infatti circa l'86% dei fondi arrivano da finanziamenti (più o meno direttamente) statali.

"Il budget di TOR rimane comunque piuttosto modesto se si pensa al considerevole numero di utenti che lo usano quotidianamente e all'impatto che ha avuto sulla società", ha aggiunto.

Per fare passi avanti relativamente al problema della dipendenza da finanziamenti statali, l'organizzazione nel 2016 aveva lanciato una campagna di fundraising che aveva raccolto circa 200.000$.

TOR è passato spesso agli oneri della cronaca per il suo impiego da parte di pedofili e spacciatori. Tuttavia, lo ricordiamo, nasce per garantire la privacy e i diritti di libertà ai numerosi attivisti che si trovano in paesi dove internet è controllato da regimi dittatoriali o scarsamente democratici.