Difficilmente si troverà un altro pianeta abitabile come la terra, nuovo studio

di
Secondo un nuovo studio la presenza di acqua liquida sulla terra che ha permesso lo sviluppo della vita così come la conosciamo è un evento davvero inusuale che rende più probabile l'unicità del nostro pianeta in tutto l'universo.

La possibilità che esista un pianeta che orbita attorno ad una stella diversa dal sole che permetta la presenza di acqua allo stato liquido è una credenza generalmente accettata ad oggi. Chiaramente il pianeta deve presentare molto ghiaccio e dovrà trovarsi alla giusta distanza dalla stella che permetta lo scioglimento di questo ghiaccio.

Ad esempio nel nostro sistema solare si pensa che satelliti ghiacciati come Europa (luna di Giove) ed Encelado (luna di Saturno) sarebbero abitabili se fossero più vicini al Sole. Invece un team di ricercatori di Pechino ha creato un modello che smentisce questa credenza comune.

Sembrerebbe infatti che non è sufficiente un pianeta ricco di ghiaccio per renderlo abitabile, perché anche i gas serra che trattengono la radiazione infrarossa del pianeta giochino un ruolo fondamentale. Questi gas aiutano lo scioglimento di tutto il ghiaccio sul pianeta e in assenza di questo il sole dovrebbe fornire un livello di energia critico che scioglierebbe non solo tutta l'acqua solida ma creerebbe anche un clima infernale che la farebbe evaporare.

Secondo questo modello Encelado ed Europa passerebbero dall'essere masse ghiacciate a masse infuocate quando il sole emetterà molto più calore tra miliardi di anni. Invece grazie all'eruzione dei vulcani sulla terra che hanno emesso i gas serra, la giusta quantità di calore è stata trattenuta sul nostro pianeta favorendo lo scioglimento del ghiaccio.

Lo studio dunque suggerisce che le possibilità che una situazione simile si possano ricreare su un altro pianeta sono molto più basse di quanto si possa pensare.

FONTE: phys.org
Quanto è interessante?
10