E' ufficiale: la scuola italiana adotta l'e-book

di

Sono anni che si parla della trasformazione della scuola italiana grazie all'arrivo degli e-book, i libri digitali che permetterebbero di risparmiare ingenti somme di denaro alle famiglie e eliminerebbero le pesanti cartelle che gli studenti sono costretti a portare quotidianamente sulle spalle con conseguenze negative per la propria salute. Finalmente, dopo tanti rinvii e progetti solo abbozzati dal nostro governo, ieri il Ministro dell'Istruzione Profumo ha firmato un decreto ministeriale che permetterà, in maniera graduale, di adottare i libri digitali in concomitanza o senza quelli cartacei. La loro presenza deve dunque essere obbligatoria. Si parte con l'anno scolastico 2014/15 con le classi prima e quarta elementare, prima media, primo e terzo superiori. Con il passare degli anni, gradualmente appunto, il libro tradizionale sarà destinato a scomparire.

Gli e-book porteranno ad un risparmio consistente, sostiene il MIUR: nel caso in cui si decidesse di adottare esclusivamente libri digitali, la spesa per gli studenti equivarrebbe al 30% in meno rispetto agli anni scorsi. Le case editrici si stanno già adeguando e stanno per lanciare delle piattaforma personalizzate, come RCS, che ha presentato Ebook+, una sorta di libro multimediale sfogliabile che permetterà di avere sin da subito i giusti strumenti per lo studio e per l'insegnamento. E' prevista la compatibilità per dispositivi mobili Apple e Android, desktop, laptop e la sincronizzazione con i più moderni sistemi cloud-based.