Facebook dichiara guerra alle bufale, ma basterà a ridurne la diffusione?

di
Facebook sta per lanciare una nuova gamma di funzionalità volte a combattere la continua propagazione sulla piattaforma delle notizie false, una decisione obbligata dopo le numerose critiche ricevute dal gigante dei social network a seguito dell’elezione di Donald Trump.

I nuovi strumenti includono un processo di segnalazione più semplice per identificare le notizie false, ma anche analisi migliorate e misure per contrastare gli spammer seriali.
In un post pubblicato sul blog ufficiale, Adam Mosseri, Vice President of Product Management di Facebook, ha rivelato che gli utenti avranno la possibilità di segnalare le notizie che a loro avviso sono false attraverso un’apposita casella. Tuttavia, Facebook lavorerà anche con testate di terze parti e con le organizzazioni che fanno parte del Poynter Institute International Fact Checking Network.
Se il contenuto è etichettato come falso da questo gruppo, verrà contrassegnato su Facebook come tale e gli utenti saranno reindirizzati ad un link che ne spiega il motivo.
Le notizie bufala inoltre saranno anche penalizzate a livello di posizionamento sul News Feed, e gli utenti che le condividono riceveranno anche dei messaggi di avviso dallo stesso social network. Inoltre, questi post non potranno essere sponsorizzati in nessun modo.
Facebook ha anche annunciato l’introduzione di alcuni algoritmi per determinare se i lettori sono meno propensi a condividere una storia dopo averla letta, e questo potrebbe essere un altro segnale che siamo di fronte ad una notizia falsa.