Elon Musk ed altri dirigenti chiedono all'ONU di fermare i robot killer

di
Centosedici leader del settore informatico, provenienti da 24 paesi, tra cui figura anche il CEO di Tesla e SpaceX Elon Musk, hanno formalmente scritto una lettera all’ONU per chiedere lo stop ed il divieto di produzione e vendita di robot killer, che secondo gli stessi potrebbero essere usati per scopi terroristici e non militari.

Nella fattispecie, la lettera inviata alle Nazioni Unite chiede che i suddetti robot vengano inseriti nella lista delle armi bandite dalla convezione ONU del 1983.

Queste armi letali autonome potrebbero diventare la vera rivoluzione nella guerra in quanto una volta sviluppate permetteranno ai conflitti armati di essere combattuti in una scala più grande che mai, in tempi più rapidi di quanto si possa immaginare. Possono essere armi di terrore, che i terroristi possono usare contro persone innocenti, e che attraverso l’hackeraggio potrebbero diventare ancora più pericolose. Non ci resta molto tempo, dobbiamo agire, in quanto una volta aperto questo vaso di Pandora sarà difficile da chiudere” si legge.