Elon Musk ristruttura una piattaforma della NASA: voli test ogni due settimane

di
Elon Musk, patron di Tesla ma non solo, fa sul serio con i viaggi nello spazio, come del resto con tutti i suoi progetti. Il giovane imprenditore ha preso una piattaforma di lancio presso il Kennedy Space Center della NASA per i voli della sua SpaceX.

Attualmente la piattaforma è in riparazione, un lavoro da 100 milioni di dollari, ma una volta ultimata sarà fondamentale per il lavoro della compagnia spaziale privata. Elon Musk ha infatti intenzione di effettuare lanci di prova ogni due settimane, andando a perfezionare all'estremo i suoi razzi e il suo software. Attualmente la NASA, che sta collaborando palmo a palmo con SpaceX, ha consigliato alcuni cambiamenti radicali per evitare crepe nelle navicelle in fase di lancio.

"Le crepe iniziali non ci spaventano più di tanto, è la loro crescita con il passare del tempo che è ancora un'incognita" ha detto un portavoce. "La NASA probabilmente è abituata a usare motori più delicati, noi invece non abbiamo paura di qualche crepa". Secondo il Wall Street Journal, il Government Accountability Office vorrebbe che SpaceX affrontasse la missione verso la ISS nel 2018 per i troppi problemi attuali, chissà però che Elon Musk non riesca nel miracolo di sistemare le cose secondo il calendario prestabilito.

FONTE: Engadget
Quanto è interessante?
0