Facebook afferma che "ovviamente" non creerà un registro dei musulmani

di
Facebook si allinea alle altre società della Silicon Valley ed, in un comunicato stampa diffuso a The Verge, ha annunciato di non avere alcuna intenzione di collaborare con l’amministrazione Trump sull’eventuale creazione di un registro per schedare i musulmani presenti negli Stati Uniti.

Al momento nessuno ci ha chiesto di collaborare su un registro per i musulmani, ed ovviamente non abbiamo alcuna intenzione di farlo” si legge nella breve dichiarazione.
Un portavoce aveva già in passato allontanato l’ipotesi, sottolineando ancora una volta come la posizione dell’azienda sia radicalmente diversa rispetto a quella del neo presidente Donald Trump, che era stato anche definito “un uomo di paglia” in una mail accidentalmente inviata ad un giornalista di BuzzFeed.
Nella mail si leggeva che la cosa migliore da fare sarebbe di ignorare la richiesta di informazioni per questo presunto registro, ma nonostante ciò si sono comunque scatenate molte polemiche sui social network, che è stato costretto a precisare la propria posizione.