Facebook: apologia di fascismo, denunce per utenti e gestori di un gruppo

di
La Legge n. 645 del 20 Giugno 1952, detta anche Legge Scelba, ha riconosciuto come reato l’apologia di fascismo. Tuttavia, negli ultimi tempi su Facebook è aumentata la diffusione di gruppi e pagine che continuano a condividere contenuti che, legge alla mano, sono vietati in Italia.

Secondo quanto riportato da alcuni giornali nella giornata di oggi, nel corso dell’ultimo fine settimana sarebbe stato chiuso il gruppo “Dux Nobis” che condivideva immagini, frasi e filmati con protagonista Benito Mussolini.
La Polizia Postale ha immediatamente disposto la chiusura della pagina e proceduto alla denuncia del proprietario, un 35enne di Bergamo che aveva mantenuto nascosta la propria identità, ed avviato indagini contro i centinaia di utenti iscritti. A riguardo si dovrà fare chiarezza per capire se gli iscritti hanno commesso qualche reato o meno.
Gli inquirenti inoltre hanno effettuato delle perquisizioni presso la casa dell’uomo in cui hanno rinvenuto materiale ed immagini inneggiante al fascismo e nazismo.