Facebook: la nostra tecnica di traduzione è nove volte più veloce dei rivali

di
Le traduzioni rappresentano da sempre un grosso problema per i giganti della tecnologia. Negli ultimi tempi però le società del settore si sono adoperate per migliorarle, anche attraverso l’utilizzo dell’intelligenza artificiale.

Tra queste c’è Facebook, che sta puntando maggiormente su questo campo. Gli ingegneri Michael Auli e David Grangier, parlando con The Verge, hanno fatto il punto sul progetto, annunciando di essere al lavoro per rendere le traduzioni, come ad esempio quelle degli stati, più veloci e precise possibili. “C’è una differenza radicale rispetto alle traduzioni classiche. Su Facebook le conversazioni sono più colloquiali, ed è per questo che stiamo creando una sorta di glossario interno per rendere il processo più facile e soprattutto preciso”.
Gli stessi hanno spiegato che le traduzioni di solito sfruttano le reti neurali ricorrenti, mentre il nuovo approccio sfrutta le reti neurali convoluzionali, anche note come CNN.
Le RNR analizzano i dati in modo sequenziale, lavorando da sinistra a destra in una frase, al fine di tradurre parola per parola. Le CNN, invece, guardiano diversi aspetti e migliorano col passare del tempo, “costruiscono una struttura logica, un pò come accade nella linguistica, sulla parte superiore del testo”, ha affermato.
Per quanto riguarda il motivo per cui questo approccio non è stato utilizzato più ampiamente, gli ingegneri di Facebook rivelano che la community specializzata in IA ha voluto puntare maggiormente sull’RNR.