Gli utenti Samsung amano iTunes più di quelli Apple

di
INFORMAZIONI SCHEDA

Una recente, nonché originale ricerca, ha dimostrato come gli utenti Samsung amino iTunes più di quanto lo facciano i clienti della società di Cupertino. A condurre l’inchiesta è stato BusinessInsider: i dati della ricerca si basano sull’analisi dei dati di Likester, con cui è possibile vagliare la natura dei click sul pulsante “mi piace” presente sulle pagine Facebook di prodotti e personaggi; dopo una disamina dei dati, è venuto fuori come gli utenti Samsung abbiano espresso una quantità maggiore di “like” a iTunes di quanti ne abbiano proposti i consumatori di Apple; da questi click, si evince come il colosso coreano abbia una base d’utenza prevalentemente di sesso femminile.

Nonostante le quotidiane critiche da parte dei clienti Samsung nei confronti di Apple, e considerando come i fans del produttore coreano definiscano iTunes come un "software disorganizzato, una cianfrusaglia inutile", gli appassionati di Galaxy battono 2 a 1 i consumatori della società di Tim Cook sulle pagine ufficiali di Cupertino su Facebook; trattasi di un fatto totalmente insolito, se si tiene in considerazione come, per contro, l'utenza Apple diserti le pagine del colosso coreano. L'indagine condotta sui like, sottolinea un errato target scelto da Samsung: la maggioranza dell'utenza social femminile, infatti, cozzerebbe con l'immagine della donna che l'azienda ha scelto di lasciar trasparire durante la presentazione del Samsung Galaxy S4, al punto da sollevare oltreoceano le più svariate polemiche. In chiusura, la ricerca svela ulteriori caratteristiche degli universi Apple e Samsung: gli aficionados della mela, sembrano avere come idoli Mr. Bean e Harry Potter, mentre l'utenza Galaxy hanno una predominanza per Nicki Minaj, irriverente artista black. I dati emersi non fanno trapelare sicuramente nulla di estremamente importante, ma fanno ulteriormente capire quanto i social network possano rivelare sulla vita privata degli iscritti, a volte anche in maniera inconsapevole.