Google Play sempre più redditizio per gli sviluppatori

di

Android sta facendo registrare con il passare del tempo una diffusione sempre più capillare, con un proporzionale aumento del volume d’affari per chi sviluppa applicazioni destinate alla piattaforma del robottino verde. Proprio nei giorni scorsi, App Annie ha formulato alcune previsioni: gli introiti derivati dalle applicazioni distribuite nello store di Google potrebbero sorpassare quelli fatti registrare dall’App Store entro la fine di quest’anno o al massimo entro i primi mesi del 2014. La piattaforma di Apple, al momento, assicura agli sviluppatori compensi pari al 350% rispetto a quanto fatto dal rivale Google, ma prendendo in esame il tasso di crescita registrato nel Q4 2012 tutto cambia: +20% per App Store, +200% per Google Play, ovvero, rispettivamente, +100% e +700% del mese di dicembre.

L'ipotesi formulata è che un numero di sviluppatori sempre maggiore possa scegliere nel breve periodo di spostare le proprie attenzioni sul negozio virtuale di app del gigante di Mountain View, soprattutto se si tiene in considerazione che il robottino verde detiene una fetta di mercato smartphone a livello globale pari a circa il 70%. Al momento, nelle statistiche, non sembrano rientrare né preoccupare altri protagonisti, come Windows Phone, Firefox OS, Ubuntu o il neoarrivato BlackBerry 10, vista la "tenera età". Saranno i prossimi mesi a decretare un'eventuale ipotetico terzo incomodo che potrà riuscire nella difficile impresa di insidiarsi nel duopolio in cui ci sono iOS e Android.