Hack di Yahoo: incriminate due spie russe

di
INFORMAZIONI SCHEDA
Come ampiamente preannunciato ieri mattina su queste pagine, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha incriminato due spie russe con l’accusa di aver rubato gli account di milioni di utenti Yahoo.

Tra i quattro individui incriminati dal Dipartimento di Giustizia degli USA figurano anche Dmitry Dokuchaev e Igor Sushchin, entrambi membri dei servizi segreti russi e che avrebbero collaborato alla violazione del motore di ricerca scoperta lo scorso mese di Ottobre e che avrebbe riguardato oltre 500 milioni di persone.
Le informazioni trafugate includono le generalità, gli indirizzi email, i numeri di telefono e le password, oltre che - in alcuni casi - domande e risposta di sicurezza.
Il Ministero ha affermato che le due spie hanno diretto e protetto gli hacker e li hanno incaricati di rubare informazioni private attraverso delle intrusioni nei server di Yahoo sparsi in tutto il mondo. Secondo il dipartimento, i cospiratori avrebbero preso di mira anche il governo degli Stati Uniti, il personale informatico, diplomatico e militare.
Belan, uno degli hacker, è stato già incriminato due volte negli USA per aver violato delle società che operavano nel settore dell’e-commerce ed avrebbe ottenuto l’accesso ad oltre 30 milioni di account Yahoo.
Nella conferenza stampa tenuta ieri, il Dipartimento ha detto che “nel momento in cui avremo le prove necessarie, porteremo questi individui davanti alla giustizia”.