HTC: segni di ripresa a marzo, ma la crisi continua

di

Nel corso delle scorse ore, il produttore taiwanese HTC ha comunicato i risultati finanziari relativi al mese di marzo e, se in prima battuta possono essere letti in maniera positiva, avendo fatto registrare una ripresa delle entrate rispetto al mese di febbraio, dall’altra permangono le difficoltà finanziarie, se i dati vengono confrontati con quelli ottenuti dalla società nel medesimo periodo dello scorso anno. HTC ha ottenuto entrate pari a 530 milioni di dollari, valore che decreta un aumento del 40% rispetto a quelle del mese di febbraio, in cui la società aveva dichiarato 384 milioni di dollari; nonostante i dati del mese di marzo possano essere incoraggianti per il produttori, analizzando in maniera più razionale le cifre, c’è da tenere in considerazione che il mese di febbraio, per HTC, era stato particolarmente negativo.

Facendo un confronto tra i dati del mese precedente, e  Marzo del 2012, le entrate hanno fatto registrare una diminuzione del 48,57%, a conferma del permanere del periodo di grossa difficoltà. A incidere particolarmente sui risultati finanziari, anche se solo in parte, potrebbero essere stati i ritardi nella distribuzione di HTC One, device la cui commercializzazione era attesa per la metà del mese, poi posticipata alla fine, in un numero di mercati ristretto. Allo stato attuale delle cose, per la società, la priorità principale è quella di accelerare la distribuzione del terminale, al quale affida buona parte delle speranze per poter tornare competitiva sul segmento dei terminali hi-end. Basterà HTC One a risollevare le sorti dell'azienda, in difficoltà ormai da diverso tempo?