Il CEO di Mega: “il nostro servizio non viene utilizzato per violare i copyright"

di
INFORMAZIONI SCHEDA

L'amministratore delegato di Mega, Vikram Kumar, ha affermato che la nuova creatura di Kim Dotcom, Mega, non viene utilizzata solo per caricare contenuti che violano il copyright, ma ha attratto anche professionisti come commercialisti, avvocati, consulenti finanziari ed architetti che "sono persone che utilizzano internet ma sono anche preoccupate del fatto che le informazioni confidenziali dei clienti possano essere compromesse, ecco perchè sono disposti a pagare per la sicurezza dei file". Dotcom ha lanciato Mega nel Gennaio del 2013, un anno dopo la chiusura di MegaUpload, ed il mese successivo ha reclutato Kumar, che ha preso il posto di CEO della società.

L'amministratore delegato, però ha sottolineato che il servizio non viola in alcun modo la legge in quanto è come Dropbox: "Mega è un servizio di cloud storage, sicuro e veloce che ha una media di 2-3 milioni di file caricati ogni giorno. Quotidianamente riceviamo circa cento avvisi di takedown per presunta violazione di copyright, ed è un numero molto basso, YouTube per esempio riceve quindici milioni di richieste di takedown al giorno, e proprio ciò dimostra che Mega non viene utilizzato per la violazione di copyright su larga scala". Uno dei punti di forza di Mega è la tecnologia di crittografia end-to-end, che cripta i file caricati dagli utenti ed impedisce ai proprietari dei diritti d'autore di visualizzare quelli che violano la legge in quanto non sono presenti sui motori di ricerca. Sui piani futuri, Kumar ha detto che Mega non ha intenzione di aggiungere alcuna funzionalità come lo streaming audio o video, che potrebbe favorire la violazione dei copyright.