Il CEO di Yahoo parla della strategia mobile della sua azienda

di

Yahoo non è certamente nota per propri progetti nel settore mobile e Marissa Mayer, CEO dell'azienda americana, lo sa bene. Ecco perchè pensa che la chiave per dei risultati positivi in questo settore sia la partnership con altre società. Nella sua prima intervista televisiva concessa da quando è CEO, in particolare a Bloomberg Tv durante l'annuale meeting World Economic Forum tenutosi a Davos, in Svizzera, Mayer ha parlato della strategia mobile che pensa di attuare, della cultura aziendale e del futuro della tecnologia:"Visto che non produciamo hardware mobile, un sistema operativo mobile, un browser o un social network, come faremo a competere in questo settore? Diventando partner dei principali protagonisti del momento. Ci stiamo focalizzando su questo". Mayer ha detto che Yahoo sta lavorando attualmente con Apple e Google in termini di sistema operativo, il che significa che probabilmente sono in lavorazione app per iOS e Android:"La cosa bella della nostra azienda, è che disponiamo di tutto ciò che gli utenti vogliono sul proprio smartphone, e ciò porta non solo grande valore all'esperienza quotidiana, ma anche un grosso business". Le partnership continuano con Facebook, con cui sono stati effettuati nuovi accordi cross-licensing e collaborazioni pubblicitarie.

Parlando di Yahoo stessa, Mayer ha propagandato la forte cultura aziendale:"Yahoo ha una forte cultura aziendale. Al mio arrivo volevo trovare un modo per ampliarla. E' così che si trova l'energia e da questa si procede con l'innovazione. Bisogna trovare modi divertenti per coinvolgere gli utenti". Mayer ha anche cercato di stimolare il suo team cambiando dei ruoli in corsa:"Sono stata molto attenta alle persone del mio team, in particolare alla parte esecutiva, ma anche all'ambiente interno. Volevo fare in modo che Yahoo fosse un posto migliore dove lavorare e dove la gente desiderasse venirci. Tutto ciò aiuta il talento ad emergere". Cosa vede Marissa Mayer nel futuro della tecnologia? La personalizzazione è un'area che la stimola, in particolare elementi come il riconoscimento d'immagini, quello vocale e la traduzione. La tecnologia che migliora e che comprende il contesto in cui si trova è una cosa che accadrà nei prossimi tre-cinque anni:"Il problema ora è riuscire a personalizzare le nozioni, cose come i 'like' su Facebook, i tweet su Twitter, i click sugli articoli, prendere tutto questo e mapparlo per capire come procedere, per esempio". Mayer ha afferrato le redini di Yahoo lo scorso luglio e da allora ha avuto mesi di duro lavoro. Oltre ad approfondire la conoscenza della sua azienda e a capire come rilanciarla, ha dato alla luce un bambino nel mese di ottobre.
FONTE: Cnet
Quanto è interessante?
0