Il CEO di Google: "le notizie bufala sono un problema da risolvere"

di
In un’intervista tenuta per la BBC, l’amministratore delegato di Google, Sundar Pichai, ha commentato per la prima volta l’esito del voto americano, che secondo molti sarebbe stato influenzato dalla diffusione di notizie bufala sui social network e motori di ricerca.

Pichai, a differenza di quanto fatto dalla controparte di Facebook, Mark Zuckerberg, ha ammesso che la società ha commesso alcuni errori, ma non ha comunque accettato l’ipotesi secondo cui anche Google avrebbe influenzato le elezioni. “E’ importante ricordare che ogni giorni riceviamo miliardi di query. Ci sono stati un paio di episodi in cui non abbiamo fatto il nostro lavoro come volevamo. Ma stiamo lavorando affinché non si verifichino più episodi simili” ha affermato Pichai, il quale si è detto “non del tutto sicuro” del fatto che i social media abbiano influenzato le elezioni.
Quando ci sono dei margini ristretti, ci sono moltissimi fattori che contribuiscono all’esito, quindi penso sia normale questo dibattito intorno alla questione, ma non sono sicuro che ciò che si dice sul web circa una possibile influenza del web corrisponda alla realtà” ha aggiunto il CEO.
“Le notizie false rappresentano un problema. Dal nostro punto di vista, non dovrebbero essere presenti, e stiamo lavorando affinché questo accada” ha concluso.