Il desktop non scomparirà completamente, parola di Microsoft

di

Il neo arrivato della famiglia dei sistemi operativi di Microsoft , Windows 8 ha portato con se una nuova interfaccia concepita specificamente per i dispositivo touch, con il tentativo di guadagnare quote di mercato nel settore mobile, dominato da Android e Apple. Anche se Windows 8.1 introdurrà funzionalità per l’input con le dita, la software house di Redmond continuerà ancora a supportare per lungo tempo l’ambiente desktop; la conferma, a tal proposito, è giunta dal Chief Evangelist Steven Guggenheimer che, durante la finale della Imagine Cup ha rilasciato un’intervista. L’update del sistema operativo porterà in vita nuovamente il pulsante Start, non però come siamo abituati ad utilizzarlo con Windows 7 e i suoi predecessori; il primo major update per il successore di Seven includerà una versione rivista delle impostazioni PC, dove l’utente potrà trovare quasi la totalità delle opzioni disponibili nel classico Pannello di controllo.

L'indicazione sembra essere ormai chiara: il colosso del software ha previsto per il futuro, dichiara Guggenheimer, che il desktop, prima o poi, scomparirà, ma forse non completamente. Il significato di tale dichiarazione è molto chiaro: allo stato attuale, sono oltre 700.000 le applicazioni desktop che possono essere utilizzate nel migliore dei modi solo attraverso mouse e tastiera.