Il malware Pony colpisce Gmail, Facebook e Twitter: rubate più di 2 milioni di password

di

Secondo un rapporto di sicurezza diffuso da Trushwave, il malware Pony avrebbe colpito anche i servizi online più utilizzati dagli utenti, come i social network e i provider che forniscono email. Di tutti gli account compromessi, che sarebbero più di due milioni, il 57% riguarderebbe Facebook, il 10% Yahoo, il 9% Google ed il 3% Twitter. Oltre questi, sono stati bersaglio di hacking anche account presenti su LinkedIn, ma non si hanno numeri o percentuali a riguardo.

Secondo Trustwave il malware ruba le password memorizzate dai browser, per poi inviarle ad un server; la vulnerabilità, quindi, non riguarda i servizi ed i loro server. Facebook, comunque, ha già provveduto ad invitare gli utenti interessati a cambiare le proprie password, ed è probabile che nei giorni successivi facciano lo stesso anche gli altri colossi interessati. Secondo lo stesso rapporto, il malware proverrebbe dall'Olanda, ma ancora non è stato identificato l'autore e il "centro di controllo" in cui vengono memorizzati i dati.