Il mercato dei Netbook sta giungendo al capolinea

di

Le uniche due aziende attualmente operanti nel settore dei netbook, Asustek e Acer, che hanno rispettivamente annunciato il termine della linea di prodotti Eee PC alla fine dell’anno incorso, e l’inesistenza di piani per l’aggiornamento, hanno decretato di fatto la fine del mercato netbook non appena si esauriranno le attuali scorte di magazzino. Con l’avvento dei tablet, i netbook si sono trovati a dover combattere contro un’elevata pressione sul mercato, arrivando al punto in cui solo Asustek e Acer hanno continuato a portare avanti le rispettive linee di prodotto per questo segmento, concentrandosi prevalentemente sui mercati emergenti, quali Sud America o Sud Est Asiatico; fu proprio Asustek computer, nel 2007, a far debuttare i primi sistemi netbook col suo iconico EccPC: inizialmente queste soluzioni si fecero spazio soprattutto per il prezzo abbastanza contenuto e le dimensioni considerevolmente inferiori rispetto a un portatile tradizionale.

Si è trattato di sistemi  particolarmente interessanti soprattutto per chi era alla ricerca di uno strumento votato alla portabilità, senza avere a disposizione un budget per l'acquisto di un untraportatile; i netbook, in questi anni, sono riusciti a ritagliarsi uno spazio nel mondo educational prevalentemente, ma viste le loro limitate prestazioni e i conseguenti compromessi d'uso, non hanno mai permesso a queste soluzioni di decollare, dando vita ad una massa critica realmente importante. Sarà stata davvero colpa dei tablet il tracollo di una soluzione che non è mai realmente decollata?