Il ministro degli esteri ucraino: "c'è la Russia dietro il nuovo attacco hacker"

di
Nel pomeriggio di ieri vi abbiamo raccontato del nuovo attacco hacker che ha messo in ginocchio l’Europa, la cui matrice al momento sembra essere però ancora sconosciuta. Il ministro degli esteri ucraino, Paolo Klimkin, in un forum tenuto dall’ANSA, si è detto convinto del fatto che dietro l’attacco ransomware di ieri pomeriggio ci sia la Russia.

Dichiarazioni che certamente non faranno piacere al Cremlino, ma che arrivano comunque da una fonte di prim’ordine, sebbene al momento ancora non siano state confermate né dai ricercatori informatici, tanto meno da altre nazioni.
Il governo di Kiev, inoltre, ha reso noto che i propri specialisti informatici sono stati in grado di respingere l’attacco alle reti governative ed alle compagnia commerciali in tempo, ed attualmente sono al lavoro per ripristinare tutti i dati danneggiati, tra cui quelli che riguardano la sicurezza statale. Fortunatamente, però, gli enti statali ed uffici governativi questa mattina sono riusciti ad offrire i servizi ai cittadini regolarmente, nonostante il tumulto di ieri.