Il NYT: Samsung non ha idea del perchè i Note 7 continuano ad esplodere

di
Nonostante i centinaia di dipendenti che stanno lavorando sul Galaxy Note 7, Samsung ancora non avrebbe scoperto il motivo per cui il phablet continuerebbe ad esplodere.

Inizialmente, infatti, il colosso coreano aveva affermato che il tutto sarebbe stato provocato da una ristretta cerchia di batterie, che a detta degli ingegneri avevano un difetto di fabbricazione.
Tuttavia, i modelli sostitutivi, spediti a metà settembre, che includevano batterie da un fornitore diverso (ATL) hanno continuato a dare problemi, provocando anche incidenti gravi, basti pensare che un uomo è finito in ospedale per intossicazione dal fumo.
Park Chul-wan, ex director del Center for Advanced Batteries at the Korea Electronics Technology Institute, ha affermato di aver ottenuto i documenti di Samsung ed ha constatato che “le esplosioni si sono presentate troppo velocemente per dipendere dalle batterie, che evidentemente non erano i problema principale. Il Note 7 aveva molte funzioni ed è stato il più complesso di qualsiasi altro smartphone prodotto. Tentando di superare l’iPhone, Samsung sembra aver confezionato uno smartphone con talmente tante innovazioni che è diventato incontrollabile”.
Samsung avrebbe anche vietato lo scambio di informazioni tra i tester, il che ha reso più difficile per gli ingegneri scoprire l’effettivo problema. La cultura aziendale della società quindi potrebbe aver avuto un ruolo in tutto ciò.